martedì, Febbraio 27, 2024

Berlusconi-Giorgia Meloni: un’ora e mezza per il disgelo in vista di formare il governo nei prossimi giorni

L’incontro è durato circa un’ora e mezza. L’ex premier al termine è salito in macchina nel cortile del palazzo che ospita la sede di FdI senza rilasciare dichiarazioni alla stampa. Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, anche all’arrivo era entrato senza rilasciare dichiarazioni. Al colloquio tra i due leader non ha partecipato nessun altro. Si va verso il disgelo, quindi, nel centrodestra, nella settimana decisiva per un accordo nella coalizione che possa portare alla formazione del nuovo governo. Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi, dopo lo scontro aperto dei giorni scorsi, si sono sentiti ieri pomeriggio e si sono visti oggi. Un dialogo che si era incrinato nel giorno del voto a palazzo Madama per l’elezione del presidente del Senato e che si era clamorosamente interrotto dopo la pubblicazione degli appunti di Berlusconi a causa dello scatto rubato da un fotoreporter, in cui il leader di FI descriveva Meloni con termini poco lusinghieri (“supponente, prepotente, arrogante e offensiva”). La replica di Meloni era stata altrettanto netta: “Manca un punto agli appunti di Berlusconi – aveva detto la leader di FdI – non sono ricattabile”.  Il faccia a faccia di questo pomeriggio, nel quartier generale di FdI, si è svolto in un contesto decisamente inedito per il Cavaliere. Fino a poche settimane fa, e per lungo tempo, i vertici del centrodestra si erano sempre tenuti nelle residenze di Berlusconi, e gli ultimissimi incontri si erano svolti a Villa Grande, la residenza romana sull’Appia di proprietà del capo di FI. Era stata la stessa Meloni, prima del voto, a chiedere che i leader si incontrassero non più a casa Berlusconi, ma almeno in territorio neutro, ovvero alla Camera. A spianare la strada è stata la nota diffusa ieri in serata dalla senatrice di FI, Licia Ronzulli, la cui designazione a un ministero di peso era stato considerato per ammissione dello stesso Cavaliere l’oggetto del braccio di ferro con Meloni. “Il caso Ronzulli non è mai esistito e comunque non esiste più'”, ha detto la senatrice azzurra annunciando che FI salirà al Colle assieme agli alleati per le consultazioni. Anche Matteo Salvini, che nei giorni del braccio di ferro tra la leader di FdI e Belrusconi si è ritagliato un ruolo da mediatore, ha commentato a caldo la notizia dell’incontro dispensando “ottimismo”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli