martedì, Febbraio 27, 2024

Il Parlamento Europeo ha assegnato il Premio Sakharov al premier ucraino Zelensky

Il popolo ucraino, rappresentato dal suo presidente Volodymyr Zelensky, dai leader eletti e dalla sua società civile è il vincitore del Premio Sacharov 2022, il massimo riconoscimento assegnato dall’Eurocamera per la libertà di pensiero. Lo annunciano dal Parlamento europeo in seguito alla decisione presa durante la Conferenza dei presidenti dell’Eurocamera, che riunisce la presidente Metsola e i leader dei gruppi politici. Gli altri due finalisti erano il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, e la Commissione per la verità in Colombia. La cerimonia di consegna è in programma il 14 dicembre. Con l’assegnazione del premio Sacharov 2022 a Zelensky e al popolo ucraino, “vengono evidenziati gli sforzi del presidente ucraino, insieme al ruolo di singoli individui, di rappresentanti della società civile e di istituzioni statali e pubbliche”, si legge in una nota del Parlamento europeo. “Tra le persone menzionate, oltre al presidente, anche la rappresentante dei servizi di emergenza dello Stato ucraino, Yulia Pajevska, fondatrice dell’unità medica di evacuazione Angeli di Taira, Oleksandra Matviychuk, avvocatessa per i diritti umani e presidente dell’organizzazione Centro per le libertà civili, il Movimento di resistenza civile Nastro giallo e Ivan Fedorov, sindaco della città ucraina di Melitopol, attualmente sotto occupazione russa”. La consegna dell’onorificenza avverrà il 14 dicembre a Strasburgo durante la sessione plenaria nell’emiciclo. Il Premio Sacharov per la libertà di pensiero viene assegnato ogni anno dal Parlamento europeo. È stato creato nel 1988 per rendere omaggio a persone e organizzazioni che difendono i diritti umani e le libertà fondamentali. Deve il suo nome allo scienziato e dissidente politico sovietico Andrei Sakharov. Il vincitore riceve un premio di 50.000 euro. L’anno scorso, il Parlamento Ue ha assegnato il premio al politico russo dell’opposizione e attivista anticorruzione Alexei Navalny. Giovedì 13 ottobre, gli eurodeputati delle commissioni Affari esteri e Sviluppo avevano tenuto una votazione congiunta per scegliere i finalisti del Premio Sacharov 2022 del Parlamento europeo per la libertà di pensiero. E avevano selezionato: Julian Assange, editore di WikiLeaks, detenuto nel carcere di Belmarsh, a Londra; il coraggioso popolo ucraino, rappresentato dal suo presidente, dai leader eletti e dalla società civile; la Commissione per la verità della Colombia. Ora la Conferenza dei presidenti del Parlamento europeo (presidente e leader dei gruppi politici) ha selezionato il vincitore.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli