lunedì, Aprile 15, 2024

Anche la Serie A è pronta ad accogliere la rivoluzione del fuorigioco semiautomatico

Anche la Serie A è pronta ad accogliere la rivoluzione del fuorigioco semiautomatico. La Saot (acronimo di Semi-Automated Offside Technology) è già in uso nelle partite dei Mondiali 2022 e da gennaio sbarcherà ufficialmente anche nel massimo campionato italiano. Nei giorni scorsi gli arbitri delle Can A e B hanno già svolto alcune esercitazioni presso la sede Var di Lissone, con l’obiettivo di essere pronti per la ripresa del campionato. Si attende il via libero definitivo di Lega e Federcalcio, che potrebbe arrivare anche dopo la sedicesima giornata (quella in programma il 4/1), ma il conto alla rovescia è ormai partito. Il nuovo sistema si baserà sulla cosiddetta “Limb-tracking technology”, ovvero una tecnologia di tracciamento degli arti. Al lavoro ci saranno tra le 10 e le 12 telecamere, installate all’interno degli stadi e dedicate a registrare il cosiddetto “scheletro” del giocatore, focalizzandosi su 29 punti diversi del corpo (in pratica gli arti e tutte le estremità rilevanti) e inviando immagini da 50 frame al secondo. In questo modo potrà essere ricostruita in computer grafica e calcolata con estrema precisione la posizione di un calciatore al momento della partenza del pallone e, nel giro di 3-5 secondi, valutata la regolarità o meno dell’azione. In Qatar è presente anche un chip apposito all’interno dei palloni, che a sua volta invia dati alla sala video, ma per il momento non verrà utilizzato in Serie A. Va comunque sottolineato che, per valutare se il fuorigioco sia attivo o passivo, l’ultima parola spetterà sempre all’arbitro: quello in sala Var e, in seconda battuta, quello in campo con un’eventuale revisione al monitor.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli