venerdì, Aprile 19, 2024

Frana a Ischia, ritrovata la famiglia con il neonato. Le vittime accertate al momento sono 8

Il maltempo si abbatte su Ischia. Paura a Casamicciola Terme, dove una frana ha investito diverse auto in sosta, trascinandole fino al mare. Segnalati anche colate di fango, allagamenti e strade trasformate letteralmente in fiumi in piena. Come riferito dal ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini, sono otto i morti accertati. Diversi i dispersi. Il commissario straordinario di Casamicciola Terme e i sindaci di Ischia Porto, Forio, Lacco Ameno e Procida hanno emanato un’ordinanza collegiale diretta ai cittadini con la quale chiedono di non uscire dalle proprie abitazioni per non intralciare le operazioni di soccorso. “Stiamo evacuando la zona circostante a quella della frana”, ha detto il prefetto di Napoli, Claudio Palomba.
Il sindaco di Ischia: “Una tragedia, non mettetevi in movimento”
“Cari concittadini a causa delle avverse condizioni meteo e dei pesanti danni che si sono già verificati nel comune di Casamicciola Terme vi chiedo di rimanere nelle vostre abitazioni e di non mettervi in movimento. Vi comunicherò in seguito l’evolversi della situazione. Grazie per la responsabile collaborazione”. È il messaggio diramato da Enzo Ferrandino, sindaco di Ischia, sui propri canali social. Il primo cittadino grida alla tragedia: “Il numero dei dispersi è ancora incerto a Casamicciola. Abbiamo anche altre situazioni di difficoltà localizzate, ma per fortuna in questo caso non di particolare gravità, come allagamenti e altre situazioni trattabili e arginabili”. Disposta inoltre la chiusura di tutte le scuole su tutta l’isola.
Il sindaco di Lacco Ameno: “Molte abitazioni a rischio crollo”
“Al momento ci sono 20-30 nuclei familiari ancora isolati. Con i soccorsi stiamo provando a portarli giù, per loro sono già disposti alloggi. Molte persone invece sono uscite dalle abitazioni perché sono a rischio crollo”. Lo ha detto il sindaco di Lacco Ameno, Giacomo Pascale, sulla situazione della frana che ha coinvolto Ischia e in particolare Casamicciola.
I dispersi
Mentre proseguono le ricerche, si teme che il numero dei dispersi possa aumentare. Sui luoghi del disastro sono arrivate tutte le forze dell’ordine e le associazioni di protezione civile del territorio. Da Napoli sono in arrivo uomini e macchine movimento terra dei vigili del fuoco. Tra i dispersi anche un altro nucleo formato da padre, madre e due bambini. Un altro uomo è stato travolto dall’alluvione, venendo però recuperato e salvato dai soccorritori.
Ritrovata famiglia con neonato
In tarda mattinata è stato trovato “il nucleo familiare con il neonato è stato ritrovato ed è in procinto di andare in ospedale. Le strutture sanitarie sono state attivate da subito”. Lo ha reso noto il prefetto di Napoli, Claudio Palomba. Almeno 100 isolati, senza acqua e luce – Attualmente nella zona di via Celario, a Casamicciola, si stima che siano almeno 30 le famiglie intrappolate nelle proprie case e che sono senza acqua e senza luce. Si tratta in totale di circa 100 persone che devono essere ancora raggiunte. La strada che porta alle loro abitazioni, via Santa Barbara, è attualmente impraticabile per il fango, i massi e i detriti che la ostruiscono e si sta provando a liberarla con diverse macchine movimento terra e idrovore. Le autorità hanno chiuso il porto cittadino, con diverse navi dirottate. I danni segnalati sono già ingenti. Quasi tutta Casamicciola è completamente bloccata alla circolazione stradale, le zone di Piazza Maio, via Celario, piazza Bagni sono isolate ed invase dal fango e dai detriti.
Piantedosi: “Soccorsi difficili, situazione grave”
“Ci sono difficoltà nelle operazioni di soccorso perché le condizioni climatiche sono molto impegnative. Stiamo inviando mezzi sia via mare che per il sorvolo aereo. Sono in stretto contatto con la presidente del Consiglio Giorgia Meloni e i miei colleghi ministri. E’ una situazione in evoluzione, molto grave, da seguire”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi.
Crosetto dispone intervento Forze armate
In coordinamento con la Protezione civile nazionale il ministero della Difesa ha disposto l’immediato l’intervento di velivoli e uomini delle Forze armate come supporto ai soccorsi di Ischia e Casamicciola.
Meloni in contatto col ministro Musumeci: “Vicina a cittadini”
Giorgia Meloni è in costante contatto con il ministro Nello Musumeci, il Dipartimento della Protezione civile e la Regione Campania per seguire l’evoluzione della situazione. Il presidente del Consiglio ha espresso vicinanza ai cittadini, ai sindaci dei comuni dell’isola e ha ringraziato i soccorritori impegnati nella ricerca dei dispersi.
Salvini: “Mettere in sicurezza il Paese”
“Da nord a sud c’è un Paese da mettere in sicurezza”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini, parlando della frana di Casamicciola. “Fare il ministro è bello, ma purtroppo mi sono alzato stamattina con il disastro a Ischia – ha aggiunto -. Occuparsi di opere pubbliche è bello ma ci sono onori e oneri. Serve la messa in sicurezza di un Paese che è fragile”.
Tajani: “Troppe tragedie”
“Serve un intervento per tutelare il tessuto idrogeologico del nostro Paese. Sono troppe le tragedie, abbiamo visto quello che è successo nelle Marche”. È quanto ha affermato il vicepresidente del Consiglio dei ministri e ministro degli Esteri Antonio Tajani. “Il governo – ha aggiunto Tajani – è intervenuto con circa 400 milioni per sostenere le aree colpite nelle Marche, e non mancherà la solidarietà nei confronti del popolo di Casamicciola ad Ischia. Ma bisogna agire con grande determinazione per impedire che eventi come questo si ripetano in futuro”.
Parroco: “Ho provato a chiamare i dispersi”
Alle operazioni di ricerca ha tentato di contribuire anche don Gino Ballirano, parroco della chiesa di Santa Maria Maddalena di Casamicciola. “Sto provando a chiamare alcune persone che risulterebbero disperse ma purtroppo al momento non ho ricevuto risposta. Sto anche tentando di andare sul posto, ma la strada sotto casa mia è bloccata da un muro di auto e alberi”. La Diocesi di Ischia ha mobilitato la Caritas per la prima accoglienza.
Tredici anni fa una ragazza morì travolta dal fango
Tredici anni fa una ragazza, Anna De Felice, morì proprio a Casamicciola a causa di un’alluvione che provocò una frana, partita dalla zona alta del comune per arrivare fino al mare. Anna De Felice, che stava per andare a scuola in auto, fu travolta dal fiume di fango mentre cercava di uscire dalla vettura per mettersi in salvo. Consistenti furono i danni alle abitazioni.A
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli