asyabahisgo1.com www.dumanbetyenigiris.com pinbahisgo1.com sekabet-giris2.com www.olabahisgo.com www.maltcasino-giris.com www.faffbet.net betforward1.org www.1xbet-farsi3.com www.betforward.mobi www.1xbet-adres.com 1xbet4iran.com romabet1.com www.yasbet2.net 1xirani.com romabet.top
lunedì, Maggio 27, 2024

Stadio San Siro, parla il sottosegretario Sgarbi: “La sua demolizione è insensata”

La demolizione dello stadio di San Siro è’ “insensata” e “stiamo preparando un vincolo per tutelare il monumento”, così il sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi in un’intervista a la Repubblica . “L’iter è già partito – annuncia – a breve lo firmerà il direttore generale del ministero. Da Berlusconi a Salvini, fino a Milly Moratti, a Milano non c’è nessuno che abbia detto di volerlo buttare giù e spendere 50 milioni per abbatterlo è davvero assurdo”. Poi critica il nuovo allestimento della Pietà Rondanini di Michelangelo al Castello Sforzesco “una volgare mancanza di rispetto di un capolavoro”. E il il ponte di cristallo previsto per collegare il Museo del Novecento di piazza Duomo con il suo futuro raddoppio “un atto di violenza ingiustificato”. Ma assicura: “Non è una posizione contro il sindaco Sala.
La demolizione del San Siro – “Sarà un vincolo di tutela storico relazionale – spiega Sgarbi – articolo 10 del Codice dei beni culturali, che non riguarda l’età del monumento ma il suo valore simbolico, la sua importanza in quanto memoria storica per i tifosi, per Inter e Milan e per Milano”. Poi fa un esempio: “Se viene realizzato un brutto monumento dedicato a Falcone e Borsellino nessuno può buttarlo giù neanche dopo dieci anni. La sua forza è la memoria, quello che quel monumento significa per la collettività, un valore immateriale che va rispettato e tutelato a prescindere dalla bellezza dell’opera. Lo stesso vale per il Meazza, che è lo stadio dei milanesi”. E garantisce: “Nn si dica che è una posizione di Vittorio Sgarbi contro il sindaco Sala”.
Il ponte di cristallo
Fra i progetti che Sgarbi ha messo nel mirino a Milano c’è quello della passerella di collegamento fra i due Arengari in piazza Duomo. “Dai documenti che ho letto la sovrintendente aveva proposto di realizzare un percorso sotterraneo per unire i due corpi del Museo del Novecento. Mi pare la soluzione più logica, adottata del resto anche in altri musei. Intervenire su un’architettura del ‘900 nella piazza più importante della città è un atto di violenza ingiustificato” continua Sgarbi. “Fermerò il progetto? Non c’è dubbio. Ci sono dei principi che vanno rispettati. La conservazione è un valore assoluto e va garantita in ogni modo”. La nuova collocazione della Pietà di Michelangelo a Castello Sforzesco – Anche su questa scelta Sgarbi ha espresso dissenso: “Hanno smantellato il meraviglioso allestimento firmato dallo studio BBPR, lo stesso che ha progettato la Torre Velasca, che era il simbolo di una modernità architettonica che in Italia è testimoniata solo a Milano. Chiunque abbia un minimo di sensibilità, mettendo a confronto i due allestimenti capisce l’errore: la scultura è messa di spalle, su un basamento che sembra di pongo, in una sala anonima, illuminata da tremendi faretti. Sembra uno scherzo ai BBPR e non rispetta né la sacralità dell’opera di Michelangelo né la storia dell’architettura del Novecento” La candidatura della Moratti alla regione Lombardia – Infine un parere sulla scelta di Letizia Moratti a presidente della Regione: “Moratti – commenta Sgarbi – è un piccolo Calenda di Milano, destinato alla sconfitta come Calenda. Lui ha fatto tutto con il Pd e poi se n’è andato; lei è sempre stata nel centrodestra e ora l’ha lasciato e non capisco secondo quale logica una persona di centrosinistra dovrebbe votarla. Prenderà consensi solo dal centro di Milano e da quella borghesia che incarna, non certo a Sondrio, Mantova e Como. Con il supporto della lista Calenda può arrivare al massimo al 13%. È la candidatura perfetta per far vincere il centrodestra”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli