sabato, Aprile 20, 2024

Gas in picchiata dall’inizio dell’anno, con il prezzo in calo del 32%

Gas in picchiata dall’inizio dell’anno, con il prezzo in calo del 32% che fa ben sperare su un prossimo taglio delle bollette. E guardando la quotazione attuale del metano alla Borsa di Amsterdam (di riferimento per l’Europa) il ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica (Mase), Gilberto Pichetto Fratin, vede avvicinarsi una riduzione del costo del gas dopo quella dell’elettricità. Anche quella di martedì 17 gennaio è stata una giornata di forti sbalzi per il gas con il prezzo sprofondato in mattinata a 51,4 euro al megawattora (-6,4%, ai minimi dalla fine di 2021) e gli operatori fiduciosi sulla possibilità di affrontare l’inverno senza particolari problemi. Oltre alle temperature meno rigide della media stagionale si guarda all’aumento dei flussi di Gnl (gas naturale liquefatto) verso l’Europa. In chiusura, la quotazione è risalita a 60 euro. Gli stoccaggi del gas in Italia sono scesi dell’1,7% a 150,02 TWh negli ultimi 7 giorni, con i depositi al 79,02% della loro capacità. Poco sotto la media nell’Ue che supera l’81% e un po’ di più rispetto al Germania che ha riserve al 90%. Secondo Pichetto, serviranno “il raddoppio del gasdotto Tap, sul quale stiamo lavorando, e semplificazioni sulle nuove fonti di energia e sulle nuove forme di riscaldamento”. Sulla sicurezza energetica “non possiamo tardare un minuto – ha aggiunto il ministro. – Questo significa rigassificatori, produzione nazionale, semplificazioni, nuove forme di produzione di energia” spiegando che “la sfida è la generazione diffusa”, ma serve anche “avere una pluralità di fornitori”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli