Free Porn
xbporn
giovedì, Luglio 25, 2024

Naufragio di Cutro, parla il ministro Piantedosi: “È stato causato da una brusca virata degli scafisti per evitare i controlli”

Il naufragio di Cutro, nel quale hanno perso la vita 72 persone, è stato causato da “una brusca virata” effettuata dagli scafisti “nel tentativo di cambiare direzione per allontanarsi dal quel tratto di mare” dopo aver avvistato “dei lampeggianti provenienti dalla spiaggia” e quindi “temendo la presenza delle forze dell’ordine lungo la costa”. A ricostruire i drammatici momenti che hanno preceduto l’affondamento del barcone è il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, nel corso della sua informativa alla Camera dopo le polemiche. In seguito alla virata, ha proseguito il ministro, “la barca, trovandosi molto vicino alla costa e in mezzo a onde alte, urta, con ogni probabilità, il basso fondale (una secca) e per effetto della rottura della parte inferiore dello scafo, comincia a imbarcare acqua”. Il bilancio del naufragio è di 72 morti, di cui 28 minori, e di 80 superstiti. Di questi ultimi, “54 sono stati accolti nel locale Centro di Accoglienza Richiedenti Asilo (Cara), 12 nel Sistema Sai a Crotone, otto sono ricoverati in ospedale, due minori non accompagnati sono stati collocati nelle strutture dedicate e tre soggetti, presumibilmente gli scafisti, sono stati arrestati”. I fermati sono un cittadino turco e due pakistani, uno dei quali minorenne. Il ministro ha aggiunto che “sono in corso le ricerche di un quarto scafista”. Proprio per interrompere la “tragica sequenza” di morti in mare, il Governo “ha finalmente riportato il tema migratorio al centro dell’agenda politica, in modo trasversale rispetto a tutte le dimensioni lungo le quali si esplica la sua azione: a livello nazionale, sul piano europeo e con i Paesi di transito e partenza dei flussi”, ha sottolineato Piantedosi. Il tutto basato sul presupposto che “la causa principale, immediata e diretta sia costituita dalle reti criminali dedite al favoreggiamento dell’immigrazione irregolare e che la causa profonda risieda nei persistenti e crescenti squilibri tra Nord e Sud del mondo”. Dal 22 ottobre 2022 al 27 febbraio 2023, le autorità italiane hanno gestito 407 eventi Sar, mettendo in salvo 24.601 persone. Nello stesso periodo, nel corso di 300 operazioni di polizia per il contrasto dell’immigrazione illegale, la sola guardia di finanza ha tratto in salvo 11.888 persone. “Per un totale, tra Sar e forze dell’ordine, di 36.489 persone salvate. Dunque, dati alla mano, è del tutto infondato che le missioni delle forze dell’ordine non siano in grado di effettuare anche salvataggi”, ha dichiarato il titolare del Viminale. Il ministro è poi intervenuto sulle polemiche seguite alle sue dichiarazioni rilasciate dopo il naufragio. Alla gravità della condotta criminale degli scafisti, ha detto, “facevo riferimento quando, con commozione, sdegno e rabbia e negli occhi l’immagine straziante di tutte quelle vittime innocenti, ho fatto appello affinché la vita delle persone non finisca più nelle mani di ignobili delinquenti, in nessun modo volendo colpevolizzare le vittime. Mi dispiace profondamente che il senso delle mie parole sia stato diversamente interpretato. La sensibilità e i principi di umana solidarietà che hanno ispirato la mia vita personale, sono stati il faro, negli oltre trent’anni al servizio delle istituzioni e dei cittadini, di ogni mia azione e decisione”. “Trovo incomprensibile aver messo in connessione il cosiddetto decreto Ong con il naufragio di Cutro”, ha poi osservato Piantedosi. “Né nel Mar Ionio né lungo la cosiddetta rotta turca hanno mai operato navi di Organizzazioni non governative e, poi, perché le regole introdotte con il citato provvedimento partono dal presupposto che prima di tutto devono essere sempre assicurati il soccorso e l’assistenza dei migranti a tutela della loro incolumità”. Il quadro normativo nazionale, “peraltro sottoposto a vincoli di natura internazionale con specifico riguardo alla materia del soccorso in mare, non è assolutamente stato modificato dall’attuale governo”, ha affermato ancora il ministro dell’Interno. Le modalità tecnico-operative dei salvataggi “non possono essere in alcun modo sottoposte a condizionamenti di natura politica o a interventi esterni alla catena di comando. Dunque, sostenere che i soccorsi sarebbero stati condizionati o addirittura impediti dall’esecutivo costituisce una grave falsità che offende, soprattutto, l’onore e la professionalità dei nostri operatori impegnati quotidianamente in mare, in scenari particolarmente difficili”. Riguardo le modalità di intervento dei soccorsi, per il ministro “è essenziale chiarire che l’attivazione dell’intero sistema Sar (ricerca e soccorso, ndr) non può prescindere da una segnalazione di una situazione di emergenza. Solo ed esclusivamente se c’è tale segnalazione, si attiva il dispositivo Sar. Nel caso, invece, non venga segnalato un distress, l’evento operativo è gestito come un intervento di polizia, anche in ragione di quanto prima osservato circa la capacità di soccorso delle nostre unita’ navali. È esattamente quanto avvenuto nel caso in questione”. Nella sua informativa alla Camera, il ministro ha inoltre ricostruito, ora per ora, il viaggio dei migranti finito in tragedia a Cutro citando anche il racconto dei sopravvissuti. “La traversata parte da Cesme, in Turchia, intorno alle 3 del 22 febbraio in condizioni meteorologiche ottimali. Condizioni che, tuttavia, dopo due o tre giorni peggiorano. Secondo il loro racconto, a bordo dell’imbarcazione erano presenti circa 180 persone, oltre a quattro scafisti, due turchi e due pakistani. Tre ore dopo l’inizio della navigazione, un guasto al motore dell’imbarcazione induce due scafisti a contattare, tramite cellulare, un complice. Dopo altre tre ore di attesa, i migranti sono raggiunti da una seconda imbarcazione, pilotata da altri tre scafisti. Dopo il trasbordo dei migranti, la navigazione prosegue verso le coste italiane. Sempre sulla base del racconto dei sopravvissuti, la barca giunta in sostituzione aveva due motori MAN entro-bordo. I migranti notano che gli scafisti dispongono di telefono satellitare e di un apparecchio che sembrava di tipo Jammer ovvero in grado di inibire la trasmissione e la ricezione di onde radio. Inoltre, quando l’imbarcazione incrocia davanti alle coste elleniche, gli scafisti sostituiscono la bandiera turca con quella greca. Durante la navigazione, sempre stando alla narrazione dei migranti, gli scafisti li costringono a restare sotto coperta, facendoli salire sul ponte solo pochi minuti per prendere aria”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli