venerdì, Febbraio 23, 2024

Migranti, oggi il Consiglio dei ministri del governo Meloni a Cutro

Il Consiglio dei ministri è convocato per oggi  alle ore 15.45, nella sede del Municipio di Cutro. Dopo il naufragio costato la vita a 72 persone, tra cui molti bambini, davanti alle coste calabresi, Palazzo Chigi vuole chiudere con le polemiche e dare un segnale forte che metta la parola fine alle stragi di migranti in mare. All’ordine del giorno un decreto su ‘Disposizioni urgenti in materia di flussi di ingresso legale dei lavoratori stranieri e di prevenzione e contrasto all’immigrazione irregolare”.
Nel mirino del governo finiranno gli scafisti, con un duro inasprimento delle pene attualmente fissate da 1 a 5 anni, con multe che arrivano a 15mila euro. Fonti qualificate spiegano all’Adnkronos che si starebbe addirittura valutando di raddoppiarle a 10 anni, introducendo anche un aggravante ad hoc per chi provoca la morte di chi, per fuggire dal proprio Paese, si affida a scafisti sperando di raggiungere l’Europa. Nel decreto potrebbe trovare spazio anche uno snellimento delle procedure per chi vuole entrare in Italia regolarmente, nonché un intervento normativo e burocratico per accelerare le richieste.
Nel dl ci sarebbe anche una norma per introdurre maggiori controlli sul fronte accoglienza, per evitare speculazioni e raggiri sulla pelle dei migranti. C’è inoltre sul tavolo l’ipotesi di un intervento sui centri di accoglienza che non funzionano, per migliorare la qualità di vita di chi, in fuga dal suo Paese, arriva in un hotspot, un Cas, uno Sprar, ecc. Si lavora per assicurare una accoglienza migliore, rafforzare i corridoi umanitari e aumentare i flussi, anche valutandone un’estensione temporale.
Non ci sarà invece nessuna stretta sui permessi di soggiorno: resta al momento inevasa la richiesta della Lega di ripristinare alcune norme contenute nei decreti sicurezza del governo ‘gialloverde’.
A livello tecnico gli interventi dell’esecutivo riguarderanno il dl su “Attuazione della direttiva (UE) 2020/1828 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2020, relativa alle azioni rappresentative a tutela degli interessi collettivi dei consumatori e che abroga la direttiva 2009/22/CE – esame definitivo” (affari europei, sud, politiche coesione e pnrr — imprese e made in italy — giustizia). Il decreto su “Attuazione della direttiva (UE) 2019/1937 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2019, riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione” – esame definitivo (affari europei, sud, politiche di coesione e pnrr — giustizia)”.
Il decreto su “Attuazione della direttiva (UE) 2021/338 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 2021, che modifica la direttiva 2014/65/UE per quanto riguarda gli obblighi di informazione, la governance del prodotto e i limiti di posizione, e le direttive 2013/36/UE e (UE) 2019/878 per quanto riguarda la loro applicazione alle imprese di investimento, per sostenere la ripresa dalla crisi Covid” – Esame definitivo (affari europei, sud, politiche coesione e pnrr — economia e finanze.
Il decreto su “Attuazione della direttiva (UE) 2021/2261 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 dicembre 2021, che modifica la direttiva 2009/65/CE per quanto riguarda l’uso dei documenti contenenti le informazioni chiave da parte delle società di gestione di organismi di investimento collettivo in valori mobiliari (Oicvm)” – esame definitivo (affari europei, sud, politiche coesione e pnrr – economia e finanze). Il decreto su “Adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2020/1503 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 7 ottobre 2020, relativo ai fornitori di servizi di crowdfunding per le imprese, e che modifica il regolamento (UE) 2017/1129 e la direttiva (UE) 2019/1937”- Esame definitivo (affari europei, sud, politiche di coesione e pnrr – economia e finanze).
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli