lunedì, Maggio 20, 2024

Venezia, studenti con crisi d’ansia per i voti: un liceo li cancella

In provincia di Venezia è in atto una sperimentazione rivoluzionaria nella valutazione dei ragazzi a scuola. Le troppe crisi d’ansia tra gli studenti dopo le interrogazioni o i compiti, i troppi pianti dopo una chiamata alla lavagna da parte dell’insegnante finita magari con un “impreparato”, hanno spinto il liceo classico-scientifico Giordano Bruno di Mestre a bandire i voti per un quadrimestre. I ragazzi continuano a fare le verifiche stabilite dagli insegnanti ma, al termine, non c’è più il classico voto. Si parla invece, di “risultati raggiunti” scritto in verde o di “preparazione da migliorare” in rosso con i dettagli specifici dei punti dolenti. A fine quadrimestre, ovviamente, il voto ci sarà e finirà direttamente in pagella. Tutto questo, nelle intenzioni della dirigente scolastica, Michela Michieletto, dovrebbe aiutare a gestire lo stress e insegnare agli alunni a non vivere un cattivo giudizio in aula come un incidente demotivante nel cammino che porta alla maturità. A sottolineare il problema sono stati soprattutto i professori delle classi prime, che hanno allargato la discussione ai genitori e ai consigli di classe. Alla fine si è deciso di tentare la strada alternativa ai voti. Le verifiche orali e scritte sulla preparazione scolastica vengono fatte come prima ma al termine i compiti non vengono giudicati con i classici voti da 1 a 10. Si è preferito evidenziare i punti dolenti con specifiche annotazioni che passano da “non funziona la sintassi” a “la riflessione va approfondita”. Assolutamente convinta della bontà dell’iniziativa è la dirigente scolastica del Bruno. “Ci pensavo da un po’ ad attivare una sperimentazione di questo tipo – dice – ora abbiamo trovato l’occasione. Abbiamo scelto alcuni contesti particolari, alcune classi specifiche: una al Bruno, allo scientifico, è già partita, un’altra partirà sempre allo scientifico e forse ne inizierà una terza al classico”. Tutto questo con l’intenzione di risolvere un problema che gli insegnanti si trovano a fronteggiare sempre più frequentemente. “Stiamo cercando di trovare soluzioni”, conclude Michieletto, preoccupata anche del calo delle iscrizioni al liceo e attenta ad ascoltare il disagio dei ragazzi.

Articoli correlati

Ultimi articoli