test
sabato, Giugno 15, 2024

Lavoro, le professioni del futuro. Ecco quali cambieranno nei prossimi anni

Secondo il rapporto 2023 sul futuro dell’occupazione pubblicato dal World economic Forum (Wef), chi cerca o cercherà lavoro nei prossimi anni deve guardare ai settori dell’intelligenza artificiale, della cybersecurity e dei Big Data. Le proiezioni degli esperti di Ginevra rivelano che fino a un quarto dei posti di lavoro (il 23%) cambierà nei prossimi cinque anni, con la creazione a livello globale di 69 milioni di nuovi posti di lavoro e l’eliminazione di 83 milioni. Secondo le stime delle 803 aziende intervistate per il rapporto, si registrerà nel complesso una diminuzione netta di 14 milioni di posti di lavoro, pari al 2% dell’occupazione attuale, quindi non una grande differenza rispetto alla situazione di adesso. Nella top 10 dei lavori del futuro ci sono: specialisti di A.I. e di machine learning; analisti business intelligence; esperti di sicurezza informatica; ingegneri Fin Tech, Data analist; Ingegneri della robotica; specialisti di Big Data; operatori di attrezzature agricole; specialisti in trasformazione digitale e sviluppatori di Block chain. I 10 lavori in via d’estinzione sono invece: sportellisti di banca, addetti ai servizi postali, cassieri, impiegati data entry, segretari amministrativi, archivisti, addetti alla contabilità, impiegati assicurazioni, venditori porta a porta, addetti al credito. Secondo il report, ci si aspetta che la maggior parte delle tecnologie contribuisca positivamente alla creazione di occupazione. I Big data sono al primo posto tra le tecnologie destinate a creare posti di lavoro, con il 65% degli intervistati che prevede una crescita occupazionale nei ruoli correlati. Si prevede che l’occupazione di analisti e scienziati dei dati, specialisti dei Big data, specialisti dell’apprendimento automatico dell’intelligenza artificiale e professionisti della sicurezza informatica crescerà in media del 30% entro il 2027. La formazione dei lavoratori all’utilizzo dell’intelligenza artificiale e dei Big data sarà la priorità del 42% delle aziende intervistate nei prossimi cinque anni, dopo il pensiero analitico (48%) e il pensiero creativo (43%). L’aumento maggiore di posti di lavoro nei prossimi anni si prevede comunque nell’e-commerce con circa 2 milioni di nuovi ruoli incentrati sul digitale, come specialisti dell’e-commerce, specialisti della trasformazione digitale e specialisti di marketing e strategia digitale. L’intelligenza artificiale dovrebbe essere adottata da quasi il 75% delle aziende intervistate e si prevede che porterà a un elevato ricambio, con il 50% delle organizzazioni che si aspetta che ciò creerà una crescita dell’occupazione e il 25% che prevede invece che causerà perdite di posti di lavoro. Gli investimenti nella transizione verde e nella mitigazione dei cambiamenti climatici favoriranno la crescita di ruoli più generalisti nel campo della sostenibilità, come gli specialisti della sostenibilità e i professionisti della protezione ambientale, per i quali si prevede una crescita rispettivamente del 33% e del 34%, che si tradurrà in un aumento di circa 1 milione di posti di lavoro.

Articoli correlati

Ultimi articoli