lunedì, Aprile 15, 2024

Il presidio davanti al Campidoglio per chiedere l’educazione sessuale nelle scuole della Capitale

Un presidio davanti al Campidoglio per chiedere al sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, di istituire l’educazione sesso-affettiva in tutte le scuole della capitale. L’iniziativa è stata organizzata da Flavia Restivo, politologa e digital strategist che ha fatto dell’educazione sessuale nelle scuole una battaglia, dalla transfemminista Isabella Borrelli e dal policy e campaign manager per le istituzioni pubbliche Andrea Giorgini. “L’Italia è uno dei pochi paesi europei a non prevedere l’educazione sessuo-affettiva nelle scuole e, con il governo Meloni ostinatamente contrario, la palla passa ai consigli comunali di centro sinistra – hanno spiegato – Il nostro obiettivo è proprio quello di far approvare in consiglio comunale, come già successo nel V Municipio, una mozione per istituire la materia in tutti i municipi della Capitale”. Al sit-in si è unita anche Marilena Grassadonia, coordinatrice dell’Ufficio Diritti LGBT+ di Roma Capitale, che aveva collaborato alla redazione della risoluzione finalizzata a promuovere l’educazione sessuale nelle scuole primarie e secondarie di primo grado proprio sul territorio del V Municipio. In questo caso il provvedimento era stato approvato dalla maggioranza dell’aula consiliare, impegnando così il presidente di Municipio e la giunta a promuovere la diffusione di progetti di educazione al rispetto, all’affettività e alla sessualità nelle scuole. Restivo, militante dei Giovani democratici e candidata al Comune nella lista Pd nell’ottobre del 2022, prima di passare a Europa Verde, si è fatta promotrice di una petizione online che chiedeva di introdurre obbligatoriamente l’educazione sessuale nelle scuole superiori a Roma e in tutta la Regione Lazio, istituendo una giornata dedicata all’educazione sessuale e affettiva, oltre a istituire uno spazio online permanente curato da psicologi, divulgatori e sessuologi accessibile a studenti, famiglie e professori: un’iniziativa che aveva raccolto oltre 30.000 firme.

Articoli correlati

Ultimi articoli