test
mercoledì, Giugno 19, 2024

A piedi da Ciampino a Roma di notte. Incinta, con bagagli e 20 euro in tasca

Marica Di Ponto, 25 anni, incinta, residente a Roma, ma senza fissa dimora a causa di gravi problemi familiari. Nel pomeriggio di martedì 6 luglio, dall’aeroporto di Edimburgo la donna contatta un rappresentante dell’Unione Inquilini al quale riferisce che la polizia scozzese l’avrebbe reimbarcata sul primo aereo disponibile per Roma e che non avrebbe avuto un posto dove dormire. Richiesta di aiuto accolta ancor prima che la donna sbarcasse allo scalo di Ciampino. A raccontare la vicenda è Fabrizio Ragucci (Unione Inquilini). E’ stato lui, per primo, a chiamare il numero verde della Sala Operativa Sociale del Comune di Roma e a parlare con un’operatrice che avrebbe garantito l’intervento di una unità mobile presso l’aeroporto romano.  Passa del tempo e Marica Di Ponto prova anche lei a mettersi in contatto con la Sala Operativa, ma le avrebbero risposto: “non è possibile intervenire”. Si attiva anche un agente di polizia in servizio presso l’aeroporto. E’ lui, questa volta, a chiamare la Sala Operativa del Comune di Roma e a chiedere di inviare una unità mobile, segnalando che in caso di mancato intervento la donna avrebbe corso dei rischi, poiché sarebbe stata costretta a vagare da sola, di notte, per raggiungere la capitale. All’agente l’operatrice avrebbe risposto che “non era loro dovere intervenire ” e che se avesse voluto, la donna avrebbe potuto sporgere querela. Marica Di Ponto non si arrende e chiama ancora una volta il numero verde della Sala Operativa Sociale, ma le avrebbero chiuso il telefono in f accia, apostrofandola con un insulto – riferisce la donna-. E’ a questo punto che Marica si incammina a piedi da sola, di notte, dall’aeroporto di Ciampino fino alla stazione metro di Cinecittà e inizia così a girovagare. Con sé una valigia e soli 20 euro. Fabrizio Ragucci, rappresentante dell’Unione Inquilini parla di “inammissibile inadempienza da parte della Sala Operativa Sociale” e chiede al Comune di Roma di avviare una indagine sulla vicenda “affinché tali episodi non si ripetano più”.

Articoli correlati

Ultimi articoli