test
sabato, Giugno 15, 2024

Famiglia travolta a Santo Stefano di Cadore, tra le ipotesi anche l’investimento volontario

Viaggiava ad almeno 70 chilometri l’ora, in un punto in cui il limite è di 50, Angelika Hutter, l’automobilista tedesca 32enne che giovedì scorso ha ucciso tre persone, tra cui un bimbo di due anni, a Santo Stefano di Cadore (Belluno), falciandole con la propria vettura. È quanto conferma un video acquisito dai Carabinieri di Belluno da un’autofficina. I militari hanno anche raccolto le parole di un testimone che ha visto la donna litigare furiosamente con una persona, salire in macchina e ripartire sgommando pochi attimi prima del tragico epilogo. Non si esclude, quindi, anche l’ipotesi di un investimento volontario. Il video acquisito dai Carabinieri di Belluno da un’autofficina vicina al luogo del tragico incidente mostra l’Audi nera guidata da Angelika Hutter sfrecciare a velocità palesemente forte in un tratto rettilineo alcuni secondi prima del terribile impatto. L’esercizio è quello di Silvano Da Rin, che assieme al comandante dei Carabinieri della stazione locale è stato il primo a trovarsi davanti la scena dell’investimento.
Una delle ipotesi che non viene esclusa è che l’investimento della famigliola di Favaro Veneto (Venezia) possa essere stato deliberato, frutto di una rabbia incontrollata. Ad avvalorare questa tesi la mancanza di qualsiasi segno di frenata, il fatto che in quel punto la strada fosse rettilinea e che i militari, che anche oggi hanno compiuto un sopralluogo per ulteriori verifiche, non abbiamo accertato alcun segno di sbandata prima del punto di impatto. Sarà sentita probabilmente lunedì dal Gip di Belluno per l’interrogatorio di garanzia la 32enne tedesca Angelika Hutter che giovedì ha investito e ucciso tre persone che stavano camminando sul marciapiede: Marco di 48 anni, suo figlio Mattia di 2 anni e la nonna del bambino Mariagrazia Zuin di 65, tutti residenti a Favaro Veneto, in provincia di Venezia. Lo stesso giorno sarà indetto lutto cittadino. La comunità di Santo Stefano di Cadore ha annullato in segno di lutto la festa in piazzetta Baldissarutti prevista da oggi a domenica. Nel tardo pomeriggio di ieri è stata celebrata una messa in suffragio delle vittime preso la chiesa di Santo Stefano.

Articoli correlati

Ultimi articoli