martedì, Aprile 23, 2024

Unicef: “Il Mediterraneo è diventato un cimitero per i bambini”. Da gennaio 11.600 minori soli sbarcati in Italia 

Oltre 11.600 minori stranieri non accompagnati sono arrivati in Italia tra gennaio e metà settembre attraversando il Mediterraneo: il 60% in più rispetto allo stesso periodo del 2022, quando circa 7.200 minorenni non accompagnati o separati dai familiari hanno compiuto la traversata dal Nord Africa. I dati sono stati forniti dall’Unicef, che ha effettuato una missione a Lampedusa. Nell’isola il numero di arrivi di migranti ha toccato il picco durante il mese di settembre, con 4.800 persone sbarcate in un solo giorno. E il Mediterraneo, dice l’agenzia per l’infanzia, è diventato un cimitero per bambini. L’Unicef denuncia infatti che il numero di migranti morti o dispersi nel tentativo di attraversare il Mediterraneo quest’estate risulta “tre volte superiore rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso”. “Il Mar Mediterraneo – dichiara l’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia – è diventato un cimitero per bambini”. Tra giugno e agosto 2023 sono decedute in mare, dice l’Unicef, “almeno 990 persone, compresi i bambini”, che hanno fatto naufragio nel Mediterraneo centrale. Nello stesso periodo del 2022 persero la vita 334 persone. Attualmente, dice ancora l’Unicef, sono più di 21.700 i minori soli ospitati ngeli hotspot in Italia, contro i 17.700 di un anno fa, prima di essere trasferiti nei centri di accoglienza. Nell’isola di Lampedusa l’agenzia fornisce una serie di servizi essenziali che riguardano, tra l’altro, la salute mentale e il sostegno psicosociale, l’accesso alle informazioni e l’orientamento a servizi specializzati nell’ambito del progetto europeo Protect. L’Unicef chiede ai governi di “fornire percorsi più sicuri e legali per la richiesta di asilo; di garantire che i bambini non siano trattenuti in strutture chiuse; di rafforzare i sistemi nazionali di protezione dei minorenni per proteggere meglio i bambini che migrano; di coordinare le operazioni di ricerca e soccorso e di garantire lo sbarco in luoghi sicuri”. L’Unicef ritiene che il dibattito in corso tra il Parlamento europeo e gli Stati membri dell’Ue sul Patto europeo sulla migrazione e l’asilo rappresenti “un’opportunità immediata per affermare e sostenere i principi chiave della protezione dei bambini e sviluppare politiche che affrontino le molteplici violazioni dei diritti dei bambini nei Paesi di partenza, di transito e di arrivo”.
In particolare, in accordo con il diritto internazionale e con la Convenzione sui diritti dell’infanzia, l’Unicef chiede ai governi di fornire percorsi più sicuri e legali per la richiesta di asilo; di garantire che i bambini non siano trattenuti in strutture chiuse; di rafforzare i sistemi nazionali di protezione dei monirenni per proteggere meglio i bambini che migrano; di coordinare le operazioni di ricerca e soccorso e di garantire lo sbarco in luoghi sicuri. Il dibattito in corso rappresenta appunto un’opportunità immediata per affermare e sostenere i principi chiave della protezione dei bambini e sviluppare politiche che affrontino le molteplici violazioni dei diritti dei bambini nei Paesi di partenza, transito e arrivo.

Articoli correlati

Ultimi articoli