giovedì, Dicembre 7, 2023

Il ministro Giorgetti: “Situazione delicata, servono scelte difficili”

La situazione economica e di finanza pubblica “è più delicata di quanto prefigurato in primavera”. Così il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti nella premessa alla Nadef. “In una situazione in cui la finanza pubblica è gravata dall’onere degli incentivi edilizi, dal rialzo dei tassi e dal rallentamento del ciclo economico internazionale, è necessario fare scelte difficili”. Il governo ha scelto di affrontare “i problemi più impellenti – inflazione, povertà energetica e alimentare, decrescita demografica – promuovendo al contempo gli investimenti, l’innovazione, la crescita sostenibile e la capacità di reagire dell’economia”. “Gli spazi finanziari che si rendono disponibili, quale differenza tra gli andamenti tendenziali e programmatici aggiornati, che includono anche la maggiore spesa per interessi passivi conseguente al maggior disavanzo, sono pari a 3,2 miliardi nel 2023, 15,7 miliardi nel 2024 e 4,6 miliardi nel 2025”, cioè in tutto 23,5 miliardi in tre anni. Lo si legge nella relazione al Parlamento sulla Nadef. “Nel 2026, invece, il saldo obiettivo implica una correzione di 3,8 miliardi di euro rispetto all’indebitamento netto tendenziale, che consente di riportare lo stesso al di sotto della soglia del 3%”. Gli spazi in deficit per 3,2 miliardi nel 2023 “attraverso un provvedimento d’urgenza, saranno destinati, in particolare, al conguaglio anticipato dell’adeguamento Istat per i trattamenti pensionistici previsto per l’anno 2024, a misure per il personale delle pubbliche amministrazioni e alla gestione dei flussi migratori”. Lo spazio in deficit ricavato nel 2024 per la manovra è di 15,7 miliardi, si legge ancora nella relazione al Parlamento sulla Nadef. “Nel 2024 e 2025, le risorse saranno utilizzate, nell’ambito del prossimo disegno di legge di bilancio, per il taglio al cuneo fiscale sul lavoro anche nel 2024 e l’attuazione della prima fase della riforma fiscale, il sostegno alle famiglie e alla genitorialità, la prosecuzione dei rinnovi contrattuali” della Pa “con particolare riferimento alla sanità, il potenziamento degli investimenti pubblici, con priorità per quelli previsti del PNRR, nonché il finanziamento delle politiche invariate”.

Articoli correlati

Ultimi articoli