sabato, Febbraio 24, 2024

Israele: “Decine di combattenti di Hamas si sono arresi”

La guerra in Medioriente giunge al giorno 63. Decine di combattenti di Hamas si sono arresi all’esercito israeliano nel nord della Striscia di Gaza. Commentando la notizia, il portavoce militare di Israele ha detto che “l’esercito ha arrestato e interrogato centinaia di sospetti terroristi: molti di loro si sono arresi e si sono consegnati”. Dall’inizio dell’operazione di terra sono stati uccisi in totale 91 soldati dello Stato ebraico. Intanto il presidente americano Joe Biden ha parlato con il premier israeliano Netanyahu per discutere degli ultimi sviluppi: “C’è urgente necessità di proteggere i civili palestinesi a Gaza”. La Casa Bianca ha poi affermato che Israele e Hamas non sono vicini all’accordo su una nuova pausa umanitaria. Nuovi attacchi aerei israeliani su Gaza. Secondo quanto riporta Al Jazeera, le forze israeliane hanno colpito diverse aree della Striscia, compreso il campo profughi di Jabalia a nord. Inoltre, un raid contro una casa nel campo profughi di Nuseirat, nel centro di Gaza, ha ucciso cinque persone. Solo 69 camion di aiuti umanitari sono entrati ieri a Gaza. Lo ha fatto sapere l’Ufficio per il Coordinamento degli aiuti dell’Onu, secondo cui la cifra è molto al di sotto delle necessità individuate dalle organizzazioni internazionali. Durante la tregua delle settimane scorse, ogni giorno entravano nella Striscia 200 camion di aiuti al giorno.

Articoli correlati

Ultimi articoli