test
martedì, Giugno 18, 2024

Segregò e abusò della figlia per 24 anni: Josef Fritzl può lasciare il carcere 

Josef Fritzl, l’uomo che per 24 anni ha segregato in cantina la figlia e con lei ha avuto sette figli, potrà lasciare il carcere con la condizionale per trasferirsi in una casa di cura. Lo ha deciso il tribunale di Krems, in Austria. L’88enne, secondo una perizia psichiatrica, è affetto da demenza e non rappresenta più un pericolo. L’accusa può impugnare la decisione entro 14 giorni. Il clamoroso caso venne alla luce nel 2008, quando la figlia di Fritzl, Elisabeth, all’epoca 42enne, finì al pronto soccorso e disse poi alla polizia di essere stata tenuta per molti anni in prigioniera dal proprio padre. Fritzl fu condannato all’ergastolo nel 2009 per aver ucciso uno dei suoi figli per negligenza, nonché per stupro, incesto e aver ridotto in schiavitù la figlia. L’uomo, nel frattempo, ha cambiato nome, come ha fatto anche la figlia che vive in una località sconosciuta in Austria. La casa degli orrori è stata abbattuta.

Articoli correlati

Ultimi articoli