domenica, Aprile 14, 2024

Usa 2024, Nikki Haley vince le primarie a Washington DC e Trump le dà del “cervello di gallina”

Nikki Haley ha vinto le primarie repubblicane a Washington DC. Lo riferisce la Cnn. E’ il primo successo per la rivale di Donald Trump. L’ex presidente degli Stati Uniti ha subito attaccato la rivale, insultandola e sminuendo la sua affermazione. “Mi sono tenuto volutamente alla larga da Washington, la ‘palude’, con pochissimi delegati e nessun vantaggio – ha scritto sul suo social “Truth” -. ‘Cervello di gallina’ ha speso lì tutto il suo tempo, il suo denaro e i suoi sforzi. I numeri davvero grandi arriveranno nel Super Tuesday”. L’ex governatrice della Carolina del Sud ha dunque ottenuto la prima vittoria della sua campagna elettorale del 2024. Di fatto è una conquista simbolica, dato che in palio c’erano solo 19 dei 2.429 delegati del Grand Old Party, tra l’altro in un distretto a fortissima maggioranza democratica. La vittoria della Haley arresta almeno temporaneamente il dominio di Trump nelle competizioni elettorali del Partito repubblicano, anche se l’ex inquilino della Casa Bianca è destinato a raccogliere diverse centinaia di delegati in più nelle gare del Super Tuesday di questa settimana. La vittoria di Haley, sebbene sia la prima, non è stata comunque una grande sorpresa. Molti a Washington ritenevano che il distretto rappresentasse la sua migliore, e forse unica, possibilità di vincere le primarie. La presa di Trump sul Partito repubblicano della capitale, che conta circa 22mila elettori registrati, non ha mai rispecchiato il suo dominio in tutto il Paese: Trump ha vinto le primarie nel 2020, senza essere contestato, ma è arrivato terzo nel 2016. Sul fronte democratico, intanto, gli elettori sono sempre più preoccupati per l’età avanzata del presidente Joe Biden. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto dal “New York Times. Il sondaggio, realizzato in collaborazione con il Siena College, è stato effettuato tra circa mille elettori registrati. Ben il 61% degli elettori che hanno sostenuto Biden nel 2020 lo ritiene ora “troppo anziano” per poter guidare efficacemente il Paese.

Articoli correlati

Ultimi articoli