domenica, Aprile 21, 2024

Israele rilascia 101 detenuti palestinesi, molti sono feriti 

Israele rilascia 101 detenuti palestinesi, molti sono feriti. La Guida suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, avverte lo Stato ebraico che si pentirà di aver sferrato l’attacco mortale contro il consolato della Repubblica islamica d’Iran a Damasco, in Siria. Intanto in Israele per la prima volta il leader centrista Benny Gantz esce allo scoperto e chiede di indire elezioni per settembre. Gli fa eco dagli Stati Uniti il leader dei democratici al Senato, Chuck Schumer, che definisce la richiesta “la cosa giusta da fare”. Intanto secondo gli Usa, uno Stato palestinese “deve nascere da trattative dirette con Israele, piuttosto che nell’ambito dell’Onu”. Il leader di Hamas, Ismail Haniyeh, ribadisce: “Senza il ritiro di Israele da Gaza niente intesa”. Sulle tensioni nella regione è intervenuto anche Sergio Mattarella: “Siamo preoccupati dopo la nefasta giornata di vergogna del 7 ottobre, con attacchi di Hamas contro inermi cittadini e poi con la reazione di Israele con sofferenze gravissime per la popolazione di Gaza. Una condizione che rischia di creare ostacoli anziché agevolare la prospettiva di sicurezza di Israele”. Il rappresentante di Hamas a Beirut ha affermato che i “negoziati con Israele sono a un punto morto”. Lo ha detto Osama Hamdan, aggiungendo: “Confermiamo che finora non ci sono stati progressi nei negoziati e che le trattative sono a un punto morto nonostante l’elevata flessibilità positiva mostrata (da Hamas) per facilitare il raggiungimento di un accordo”. L’amministrazione Biden ha approvato il trasferimento di migliaia di bombe a Israele nello stesso giorno del raid a Gaza che ha ucciso sette operatori umanitari diella Ong World Central Kitchen. Lo scrive il Washington Post, citando tre dirigenti americani, mentre un portavoce del Dipartimento di Stato ha sostenuto che l’ok è arrivato “un po’ prima” dell’attacco al convoglio umanitario. Si tratta di oltre mille bombe Mk82 da 500 libbre (225 chili), oltre mille bombe di piccolo diametro e micce per ordigni MK80, il tutto con autorizzazioni concesse dal Congresso statunitense diversi anni prima dello scoppio della guerra tra Israele e Hamas.

Articoli correlati

Ultimi articoli