mercoledì, Maggio 22, 2024

Sentenze pilotate al Tar Lazio, in quattro a giudizio

Quattro persone indagate per un giro presunte sentenze pilotate al Tar del Lazio sono state rinviate a giudizio dal giudice delle indagini preliminari di Roma. Tra le accuse avanzate dalla procura nei confronti degli imputati, tra cui l’avvocato amministrativista Federico Tedeschini, a seconda delle posizioni, vi sono i reati di corruzione in atti giudiziari e corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio. Il processo è stato fissato al 10 settembre davanti ai giudici dell’ottava sezione collegiale. Un quinto imputato ha scelto il rito abbreviato e per l’udienza davanti ad altro gup è stata fissata ad ottobre. Nel procedimento è coinvolto anche l’ex presidente della terza sezione del Tar Lazio – lo era all’epoca dei fatti – il giudice, poi sospeso dall’incarico, Maria Silvestro Russo con l’accusa di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Dalle carte dell’indagine tramite intercettazioni telefoniche e ambientali  e l’analisi di centinaia di documenti è stato ricostruito il presunto rapporto di connivenza tra il magistrato del Tar e l’avvocato Tedeschini che nell’ordinanza cautelare il gip definisce “di reciproco soccorso e di reciproca messa a disposizione delle funzioni rivestite e favori”. Il giudice Russo le si rivolse per il mancato avanzamento di carriera chiedendo al noto avvocato una raccomandazione.  Il giudice secondo gli inquirenti sarebbe intervenuto in almeno tre sentenze a favore dell’avvocato. che avrebbe mostrato tutto l’interesse – reciproco – a raccomandarlo.

Articoli correlati

Ultimi articoli