lunedì, Maggio 20, 2024

Discariche, il degrado aumenta

È ancora emergenza rifiuti nelle frazioni di Cerenova e Campo di Mare. Un problema ancora irrisolto da chi di competenza e che in avvicinamento alla stagione estiva preoccupa non poco la popolazione locale. Gli stessi residenti in questi giorni hanno pubblicato le immagini delle discariche a cielo aperto che si sono accumulate in via Gallori, una delle strade più massacrate dal degrado e poche settimane fa addirittura colpite da un incendio ad opera di piromani, via Caere Vetus, via Viterbo e altre aree limitrofe. «A breve avremo forti problemi dal punto di vista igienico sanitario. Segnalerò tutto quanto ai vigili urbani. Cosa si può fare per evitare questo scempio ambientale», è la presa di posizione di Patrizia. Tra i nodi irrisolti in questa storia – come denunciato mille volte dai comitati di zona – è la situazione dei villeggianti, molti dei quali sarebbero “fantasmi” non essendo censiti e non avendo i contenitori per la raccolta porta a porta. E gli abitanti davvero non ne possono più. «La differenziata in altre regioni – interviene Laura – si fa con i grandi cassonetti posti in strada e funziona. Non capisco perché qui non si possa fare altrettanto. Tenere cinque mastelli in casa è veramente scomodo e per i villeggianti nel weekend è impossibile seguire il calendario settimanale». Parlano anche i turisti. «Le foto parlano chiaro – commenta Simona – io vivo a Roma e ogni domenica sono praticamente costretta a portarmi l’immondizia a casa. Non comprendo inoltre perché non far passare il lunedì per raccogliere tutta la differenziata visto che non possiamo lasciare i mastelli per strada per una settimana intera visto che torniamo nella Capitale dopo essere stati a Cerenova il sabato e la domenica». Degrado che corre anche lungo la via Settevene Palo in direzione di Bracciano e delle altre località del lago. Un malcostume che prosegue per l’assenza di controlli. Le discariche abusive si trovano a bordo della carreggiata con i rifiuti che hanno praticamente invaso la carreggiata.

Articoli correlati

Ultimi articoli