test
lunedì, Giugno 24, 2024

Palermo, assassunato il marito dell’eurodeputata Francesca Donato

A Palermo, è stato ucciso a colpi di pistola Angelo Onorato, architetto, titolare di un negozio di arredamenti e marito dell’eurodeputata della Democrazia Cristiana Francesca Donato. La vittima è stata trovata nella sua auto nella zona di via Ugo La Malfa. “Hanno ucciso mio marito Angelo”. Così l’eurodeputata Francesca Donato, e vice segretaria della Dc, parlando con alcuni amici che l’hanno chiamata per capire se la vittima fosse realmente il marito, Angelo Onorato. Francesca Donato è cresciuta spostandosi in varie città del nord Italia, tra cui Torino, Mogliano Veneto e Padova. Dopo aver frequentato il liceo linguistico “Santa Caterina da Siena” di Mestre, nel comune di Venezia, inizia a lavorare saltuariamente per la Philip Morris International come interprete per clienti stranieri. Nel 1996 si laurea alla facoltà di giurisprudenza all’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, e inizia ad esercitare l’attività forense a Padova, nel ramo penale. Nel 1999 sposa l’imprenditore palermitano Angelo Onorato e si trasferisce nel capoluogo siciliano. Dopo la nascita dei due figli Salvatore (1999) e Carolina (2003), riprende l’esercizio della professione presso il foro di Palermo, stavolta nel settore civilistico, fino al 2012, operando in prevalenza nel ramo commerciale e aziendale. Nel 2013 fonda a Palermo l’associazione “Progetto Eurexit”, che promuove idee critiche nei confronti della moneta unica europea. In seguito, si dedica alle attività aziendali familiari, collaborando come account manager della “Casa Ambienti nella Vita”, società commerciale con diverse sedi a Palermo. Dal 2017 al 2019 è amministratore unico della “Desigea srl”, società di progettazione e design industriale. Nel 2014 viene candidata come indipendente alle elezioni europee di quell’anno dalla Lega Nord nelle circoscrizioni Italia insulare e Nord-orientale; ottiene, in tutto, circa 6.000 preferenze senza però essere eletta. Nel 2018 si riavvicina alla politica divenendo segretario del circolo della Lega a Palermo e riprendendo l’attività dell’associazione “Progetto Eurexit”, su scala regionale e nazionale. Nel maggio 2019 si ricandida con la Lega alle elezioni europee nella circoscrizione insulare e viene eletta al Parlamento europeo con 28.460 preferenze. Al Parlamento europeo è stata componente del gruppo “Identità e Democrazia”, membro titolare nelle commissioni REGI (sviluppo regionale) ECON (politiche economiche monetarie) e nella Delegazione all’Assemblea parlamentare dell’Unione per il Mediterraneo. È membro sostituto nella Commissione AGRI (agricoltura) e nella delegazione Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE; fa parte anche della Commissione STOA (Scientific and Technological Options Assessment) in qualità di membro AGRI. Il 6 ottobre 2021, a seguito della sua uscita dalla Lega, viene espulsa dall’eurogruppo. Su posizioni contrarie al green pass, il 21 settembre 2021 lascia la Lega.[2] Fonda l’associazione politica Rinascita Repubblicana. A novembre dello stesso anno, annuncia ufficialmente la candidatura a sindaco di Palermo per le elezioni comunali. La sua lista civica Rinasci Palermo ottiene il 3,15% pari a 6.510 voti e non entra in consiglio comunale. In vista delle elezioni politiche anticipate del 25 settembre 2022 Rinascita Repubblicana forma la lista Italia Sovrana e Popolare insieme a diversi partiti e movimenti anti-sistema come Ancora Italia di Francesco Toscano, Riconquistare l’Italia di Stefano D’Andrea, Azione Civile di Antonio Ingroia, Partito Comunista di Marco Rizzo, Patria Socialista di Igor Camilli, Comitati No Draghi e altri. In seguito, però, annuncia il proprio disimpegno, avendo preso atto della frammentazione in varie liste del fronte anti-sistema. A inizio 2023 annuncia l’adesione alla Democrazia Cristiana Sicilia Nuova di Salvatore Cuffaro, in disaccordo con la linea filo-atlantista degli altri partiti del centro-destra. A fine maggio diventa vice presidente nazionale del partito su nomina del presidente del partito, Renato Grassi, e del neo segretario nazionale, Totò Cuffaro. A novembre Cuffaro la nomina commissario del partito in Sardegna.

Articoli correlati

Ultimi articoli