test
lunedì, Giugno 24, 2024

Bagno di folla per la conferenza-spettacolo di Agostino de Angelis: “Sulle tracce dell’antica Roma”

Ieri pomeriggio, a Marina di San Nicola, si è svolta la conferenza-spettacolo “Ladispoli, sulle tracce dell’antica Roma”. Il palcoscenico di questo evento è stata una delle aree archeologiche più importanti, spettacolari e ben conservate di Ladispoli: l’interno del criptoportico della villa romana di Pompeo a Marina di San Nicola. Un posto migliore per parlare di ville romane edificate nel territorio di Ladispoli, non si poteva di certo trovare. Il format di questo evento è stato quello ormai collaudato de “Sulla strada degli Etruschi”, ideato dall’attore e regista Agostino De Angelis, e messo in scena dall’impeccabile organizzazione di Desirée Arlotta. Un format che, come abbiamo già detto in altre occasioni, è diventato uno standard di riferimento se si vogliono organizzare conferenze coinvolgenti, e che siano destinate ad un pubblico più vasto di quello rappresentato dagli specialisti o degli appassionati della materia trattata. Anche per questa manifestazione, a testimonianza di un rapporto proficuo e ormai consolidato, c’è stata la collaborazione attiva della Sezione di Cerveteri-Ladispoli-Tarquinia del GAR. Questa volta, la protagonista della conferenza è stata la città di Ladispoli. O meglio, le tracce storiche e archeologiche che l’antica Roma ha lasciato nel suo territorio. In particolare, naturalmente, le sue imponenti ville. Il relatore è stato Gianfranco Gazzetti, presidente del Gruppo Archeologico Romano e direttore dei Gruppi Archeologici d’Italia. Che ha raccontato, per più di un’ora, la natura, le frequentazioni e gli utilizzi delle ville romane che sono state costruite nel nostro territorio. Con un’esposizione coinvolgente e mai accademica. Al termine, a testimonianza della partecipazione attenta che si era creata, sono stati tantissimi i presenti che gli hanno fatto delle domande. L’esposizione di Gazzetti è stata intervallata, come da format, dalle magistrali letture di De Angelis. Che ci hanno riportato indietro in un mondo lontano e mitico. Quello della Repubblica romana e dell’Impero. Testimoniando la frequentazione nelle nostre terre, e nelle nostre spiagge, di personaggi che abbiamo letto nei libri di Storia: Cesare, Pompeo, Rufo, Frontone, gli imperatori della famiglia degli Antonini, e tanti altri personaggi che avevano scelto la pace e la bellezza dei luoghi dove oggi sorge Ladispoli. È stato un successo anche di partecipazione. Si dice sempre così, in queste occasioni. Ma quando si preparano quasi 100 sedie, e molti spettatori rimangono in piedi, non si può che parlare di successo. Terminiamo con i dovuti ringraziamenti a chi ha permesso, ad Agostino De Angelis e a Desirée Arlotta di organizzare questo bellissimo evento.Innanzitutto alla padrona di casa, Rossella Zaccagnini della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e per l’Etruria Meridionale. E poi a chi cura l’area e la mantiene accessibile a tutti, tutto l’anno: il Consorzio Marina di San Nicola, nella persona del suo Presidente Roberto Tondinelli. Senza dimenticare naturalmente l’Assessore Margherita Frappa e il patrocino della Regione Lazio. In rappresentanza dell’Assessore Frappa, infortunata, era presente la Consigliera Daniela Marongiu.

Articoli correlati

Ultimi articoli