test
lunedì, Giugno 24, 2024

Rapina impropria aggravata e resistenza a P.U., arrestate due persone

Nella tarda mattinata del 22 maggio gli agenti della squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Polizia di Civitavecchia traeva in arresto 2 cittadini peruviani gravemente indiziati dei reati di rapina impropria aggravata, resistenza e lesioni a P.U. Poco prima i due uomini avevano consumato dei furti all’interno di alcuni negozi di abbigliamento del centro cittadino. Attorno alle 13, un poliziotto libero dal servizio, notava il dipendente di un esercizio commerciale inseguire alcuni soggetti che correndo erano appena usciti dal negozio e dopo essere saliti a bordo di un veicolo si allontanavano dal posto ad alta velocità. Immediatamente l’agente, appreso del furto, si metteva all’inseguimento del veicolo e avvisava la Sala Operativa della Questura di Roma che allertava le altre pattuglie impegnate sul territorio. L’inseguimento terminava nei pressi di Prato del Mare, dove i fuggitivi venivano raggiunti e bloccati dalle pattuglie intervenute. Nel tentativo di fuggire gli occupanti del mezzo si scagliavano contro gli agenti e tre di loro riuscivano a fuggire mentre l’autista ed uno dei passeggeri venivano bloccati. Nell’auto venivano rinvenuti numerosi capi di abbigliamento con ancora apposte le etichette e le placche antitaccheggio dalle quali si è potuto risalire ai negozi. Ultimati gli accertamenti presso gli Uffici di Polizia, i due uomini, di 44 e 23 anni, sono stati arrestati e dopo la convalida dell’arresto, il G.I.P. del Tribunale di Civitavecchia, ne ha disposto la Custodia Cautelare in Carcere. Ad ogni modo gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Articoli correlati

Ultimi articoli