test
martedì, Giugno 18, 2024

Via libera alla nuova caserma dei carabinieri nel quartiere Ottavia

Manca ancora il via libera dell’Assemblea capitolina ma, intanto, è stato compiuto un importante passo. La Giunta di Roma Capitale ha approvato la delibera per concedere il diritto di superficie a titolo non oneroso per la realizzazione di una caserma dei carabinieri a Palmarola, nel Municipio XIV. La delibera approvata, che porta le firme dell’assessore all’Urbanistica Maurizio Veloccia e dell’assessore al Patrimonio, Tobia Zevi, prevede la cessione per 99 anni di un’area di circa 5600 metri quadri in via Lorenzo Panciatichi in favore dello Stato, per le esigenze logistiche del ministero dell’Interno e e’Arma dei Carabinieri.

Nuova caserma dei carabinieri
Nel corso degli ultimi anni, l’Arma dei Carabinieri ha manifestato l’esigenza di individuare un’area idonea nel quartiere di Palmarola dove poter insediare una nuova Caserma comprensiva di alloggi e parcheggio. Un’ esigenza che coincide con l’obiettivo dell’amministrazione di promuovere un potenziamento del servizio di ordine e sicurezza pubblica nel quadrante territoriale del municipio XIV, anche a seguito della chiusura della caserma di Ottavia a fine del 2022. L’area individuata risulta idonea all’edificazione di una stazione dei Carabinieri, in quanto pianeggiante, fruibile da una viabilità già esistente, collegata direttamente alla viabilità principale – via Casal del Marmo, nonché in una zona centrale rispetto al quartiere. “Con questa delibera abbiamo voluto fare nostre le preoccupazioni dei cittadini legate alla chiusura della caserma dei Carabinieri di via Raffaele Filamondo a Ottavia e, grazie ad una forte collaborazione con l’Arma dei Carabinieri, l’Agenzia del Demanio e il Municipio XIV abbiamo costruito un percorso che porterà alla realizzazione di un nuovo e funzionale edificio in un’area destinata a servizi a Palmarola – ha dichiarato l’assessore all’urbanistica di Roma Capitale, Maurizio Veloccia – il provvedimento ci consentirà di superare i diversi problemi che la chiusura di Ottavia aveva generato: infatti l’organico dell’arma era stato trasferito a Monte Mario lasciando senza presidio di sicurezza il quadrante di Ottavia e Palmarola, fino a Torresina e Quartaccio, gestito solo con i pattugliamenti di routine”. “Grazie a questa delibera, che verrà discussa e approvata dall’Assemblea Capitolina, un’area del patrimonio di Roma Capitale potrà ospitare una caserma dell’Arma dei Carabinieri costruita dal demanio – ha aggiunto l’assessore al patrimonio, Tobia Zevi – si tratta di un presidio essenziale per la sicurezza di quel territorio, che negli anni aveva perso le precedenti strutture, ma anche un modello virtuoso di gestione del Patrimonio pubblico grazie alla collaborazione tra diverse istituzioni. Le proprietà comunali possono e devono essere strumenti di rigenerazione urbana, promozione sociale e miglioramento dei servizi ai cittadini. Da questo punto di vista, la Giunta capitolina ha oggi compiuto un passo in avanti importante”.

Articoli correlati

Ultimi articoli