Free Porn
xbporn
giovedì, Luglio 25, 2024

Vertice Nato, la promessa di Biden: “Kiev bloccherà le forze di Mosca” 

“La Nato fu fondata per proteggere la democrazia e noi siamo qui per rinnovare quell’impegno, oggi la Nato è più potente che mai”. Così Joe Biden dando il benvenuto a Washington, assieme a Kamala Harris, ai leader dell’Alleanza Atlantica all’evento che apre il vertice in occasione del 75esimo anniversario della firma del Trattato Nord Atlantico che istituì la Nato il 4 aprile 1949. “Quando siamo stati attaccati l’11 settembre l’articolo 5 è stato invocato per la prima volta e i nostri alleati ci sono venuti in soccorso e noi non dimenticheremo”, ha quindi aggiunto il presidente Usa. Biden è quindi entrato nel vivo dell’impegno Nato, affrontando il tema Ucraina. “La Russia sta fallendo nella guerra in Ucraina – ha detto il presidente Usa -. Il presidente Vladimir Putin pensava di far crollare la Nato, che invece oggi è più forte che mai: l’Ucraina è ancora un Paese libero e indipendente, e continuerà ad esserlo dopo la guerra. L’Ucraina, assieme alla Nato, può fermare e fermerà la Russia”.
Da Usa-Germania-Italia-Romania nuove difese aeree a Kiev Il presidente Usa, apparso energico e convincente, a fugare i timori della vigilia, ha quindi annunciato una “storica donazione”. Gli Stati Uniti, ha detto, insieme a Germania, Olanda, Romania e Italia “forniranno all’Ucraina l’equipaggiamento per cinque ulteriori sistemi di difesa aerea strategica e nei prossimi mesi gli Stati Uniti e i nostri partner intendono fornire all’Ucraina dozzine di ulteriori sistemi di difesa aerea tattici”.
Meloni: “Sistemi difesa a Kiev per proteggere civili e infrastrutture” Giorgia Meloni, parlando poi con la stampa, ha spiegato come il governo italiano si sia concentrato “molto su un tema che è estremamente importante, che è la difesa antiaerea perché essa significa difendere soprattutto i civili e le infrastrutture critiche che la Russia continua ad attaccare, come abbiamo visto ieri con un ospedale pediatrico colpito a Kiev e i bambini malati oncologici in mezzo alla strada.
Meloni: “Rispetteremo impegno del 2% del pil per difesa con nostri tempi e possibilità” Meloni ha poi ribadito che l’Italia “terrà fede ai suoi impegni” di spendere il 2% del pil per la difesa “ovviamente con i tempi e le possibilità che abbiamo” e considerando anche “l’impegno complessivo del Paese nella Nato”, dove siamo “tra i maggiori contributori di personale in quasi tutte le missioni e le operazioni di pace perché il nostro know how è molto richiesto”.
Stoltenberg: “Il momento per sostenere la democrazia è ora e il posto è l’Ucraina” Il discorso del presidente Usa è stato preceduto da quello del segretario generale uscente dell’Alleanza, Jens Stoltenberg. “Non ci sono guerre senza rischi”, ma “il rischio più grande sarebbe se la Russia vincesse in Ucraina” e “non possiamo permetterlo”. “Il momento per sostenere la democrazia è ora e il posto è l’Ucraina”, ha aggiunto davanti ai leader dell’Alleanza.
Trump: “Europa invii 100 miliardi a Kiev per pareggiare Usa” “Gli Stati Uniti sono quelli che stanno pagando di più per aiutare l’Ucraina”: l’Europa dovrebbe mandare a Kiev 100 miliardi di dollari per “pareggiare” con gli Usa. Lo afferma Donald Trump sul suo social Truth, senza dire da dove proviene il calcolo. L’ex presidente si prende poi il merito dell’attuale forza della Nato, notando come “miliardi di dollari” siano piovuti nell’alleanza dopo il suo pressing.

Articoli correlati

Ultimi articoli