test
venerdì, Luglio 12, 2024

Meloni: “Il sostegno dell’Italia a Kiev continua ma sia mirato ed efficace”

Ampio spazio al tema guerra in Ucraina al vertice della Nato di Washington organizzato in occasione dei 75 anni dell’Alleanza atlantica. Nella dichiarazione conclusiva da parte di tutti i 32 alleati è stato sottolineato come Kiev sia su un percorso “irreversibile” verso l’adesione alla Nato. Tuttavia, è stato precisato che si potrà “estendere un invito a Kiev ad aderire all’Alleanza quando gli alleati saranno d’accordo e le condizioni saranno soddisfatte”. Gli Stati Uniti hanno annunciato che i jet F-16 promessi sono già partiti, dalla Danimarca e dai Paesi Bassi, ed entro l’estate saranno operativi sui cieli ucraini per respingere gli attacchi della Russia. Una garanzia per Volodymyr Zelensky, presente nella capitale americana anche se non al vertice, assieme agli oltre 40 miliardi di euro in assistenza finanziaria e alla sicurezza che gli alleati dell’Alleanza atlantica sono pronti ad assicurargli. Stoltenberg: “Abbiamo impiegato forze pronte al combattimento sul fianco orientale della Nato. Si tratta del piano di difesa più ampio dai tempi della Guerra Fredda”. Meloni: “Il sostegno dell’Italia a Kiev continua, ma deve essere mirato ed efficace”. “La Nato è stata fondata per preservare la pace, e rimane l’alleanza più forte della storia ancora oggi”. E’ quanto si legge nella dichiarazione conclusiva. “Rimaniamo fianco a fianco alla luce di una brutale guerra di aggressione nel continente europeo, in un momento critico per la nostra sicurezza: riaffermiamo il legame transatlantico tra i nostri Paesi”, si legge nel comunicato, in cui i leader sottolineano che la Nato rimane una piattaforma “unica, essenziale e indispensabile per coordinarsi e agire su tutti i temi legati alla sicurezza collettiva”.
Invasione russa ha distrutto la pace e la stabilità euroatlantica L’invasione russa dell’Ucraina ha “distrutto” la pace e la stabilità nell’area euroatlantica, mettendo gravemente a rischio la sicurezza globale, si legge ancora. “La Russia rimane la minaccia più importante e diretta alla sicurezza degli alleati”, prosegue la nota, in cui viene ribadita anche la “minaccia asimmetrica” derivante dalle organizzazioni terroristiche.
Sarà scelto nuovo inviato per il Sud I leader della Nato hanno inoltre deciso di designare un rappresentante speciale per il fianco Sud, senza tuttavia precisare il nome. Nel documento si legge anche che, insieme alla Giordania, “abbiamo deciso di aprire un ufficio di collegamento con la Nato ad Amman”.
Stoltenberg: 40 miliardi euro base minima per sicurezza Ucraina In conferenza stampa, Stoltenberg ha aggiunto: “Abbiamo concordato un impegno finanziario per aiutare l’Ucraina a costruire una forza in grado di sconfiggere l’aggressione russa oggi e di dissuaderla domani. Abbiamo concordato che 40 miliardi di euro sono una base minima entro il prossimo anno e per garantire un finanziamento sostenibile per l’Ucraina”. Parlando dei nuovi impegni militari, Stoltenberg ha detto: “Questo non renderà la Nato parte del conflitto, ma aiuterà l’Ucraina a sostenere il suo diritto all’autodifesa”.
Biden: “L’Ucraina può fermare e fermerà la Russia” Il presidente Usa Joe Biden, affrontando il tema Ucraina, è entrato nel vivo dell’impegno Nato. “La Russia sta fallendo nella guerra in Ucraina – ha detto -. Putin pensava di far crollare la Nato, che invece oggi è più forte che mai: l’Ucraina è ancora un Paese libero e indipendente, e continuerà ad esserlo dopo la guerra. L’Ucraina, assieme alla Nato, può fermare e fermerà la Russia”.
Da Usa-Germania-Italia-Romania nuove difese aeree a Kiev Il presidente Usa, apparso energico e convincente, a fugare i timori della vigilia, ha quindi annunciato una “storica donazione”. Gli Stati Uniti, ha detto, insieme a Germania, Olanda, Romania e Italia “forniranno all’Ucraina l’equipaggiamento per cinque ulteriori sistemi di difesa aerea strategica e nei prossimi mesi gli Stati Uniti e i nostri partner intendono fornire all’Ucraina dozzine di ulteriori sistemi di difesa aerea tattici”. La Nato deve continuare a sostenere la legittima autodifesa dell’Ucraina, e con essa il rispetto del sistema internazionale, senza il quale vivremmo tutti una stagione di caos. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni. Il premier ha affermato che il sostegno italiano “continuerà, ma deve essere mirato ed efficace, allo stesso tempo evitando duplicazioni, perché 96 cittadini dell’Unione europea su 100 sono anche cittadini di una nazione della Nato, e il bilancio nazionale al quale attingiamo è sempre lo stesso”.
Meloni: “Sistemi difesa a Kiev per proteggere civili e infrastrutture” Giorgia Meloni, parlando poi con la stampa, ha spiegato come il governo italiano si sia concentrato “molto su un tema che è estremamente importante, che è la difesa antiaerea perché essa significa difendere soprattutto i civili e le infrastrutture critiche che la Russia continua ad attaccare, come abbiamo visto ieri con un ospedale pediatrico colpito a Kiev e i bambini malati oncologici in mezzo alla strada.
Meloni: “Traiettoria spesa difesa dell’Italia in aumento” Giorgia Meloni ha quindi aggiunto: “L’Italia è oggi in grado di annunciare che la traiettoria della spesa per la difesa nel 2024 è in aumento. Il 2% è tra i nostri obiettivi, ma non è l’unico. Dobbiamo anche lavorare a un’industria della difesa innovativa e competitiva, che tragga vantaggi dalla complementarità tra Nato e Ue”.
Meloni: “Designazione inviato speciale Sud buona notizia” L’Italia è “in prima linea a difesa degli alleati orientali” ma “non possiamo essere lasciati soli nella difesa del fronte sud dell’Alleanza. È ugualmente fondamentale nel contesto della minaccia ibrida e globale che affrontiamo”. E’ uno dei messaggi della Meloni. La “designazione di un Rappresentante Speciale per il Sud, è una buona notizia e un punto di partenza. L’Italia continuerà a lavorare affinché, nell’interesse di tutti, le nostre priorità siano adeguate a un mondo che sta cambiando”, ha aggiunto il premier, secondo quanto si apprende.
Tajani: “Meloni ha chiesto un italiano per fiancoSud Nato” “L’istituzione dell’inviato speciale della Nato per il fianco Sud è una decisione importante, è stata una battaglia italiana e noi riteniamo giusto che per quel ruolo sia scelto un italiano, l’ha detto anche oggi Giorgia Meloni a Mark Rutte” (il nuovo segretario generale della Nato designato). Lo ha affermato il ministro degli Esteri Antonio Tajani, a margine del summit Nato. “Credo che sia giusto per il ruolo che ha l’Italia, anche per il numero di militari che ha nelle missioni della Nato. Sarebbe un riconoscimento al nostro Paese”, ha aggiunto, precisando di non sapere quando verrà annunciano il nome.

Articoli correlati

Ultimi articoli