CERRONI AVANZA IPOTESI RISERVA MALAGROTTA 2 DOPO IL NO DEL NORD ITALIA

E’ per questo che Manlio Cerroni avanza una ulteriore soluzione al problema: mettere in funzione la terza linea dell’impianto di trattamento meccanico biologico di Malagrotta 2, che lavorerebbe 500 tonnellate di “tal quale” al giorno fino al 21 aprile, quando entrerà in funzione il tritovagliatore a Rocca Cencia.  Questo il calcolo di Cerroni, illustrato in una lettera inviata ieri al ministro dell’Ambiente Corrado Clini e al commissario Goffredo Sottile: l’Ama continuerà a conferire agli impianti tmb di Albano, Viterbo e Colfelice 500 tonnellate di rifiuti non trattati al giorno, il Colari, il consorzio di Cerroni che gestisce la discarica e tutta l’impiantistica di Malagrotta, tratterà il resto dei rifiuti che i quattro impianti romani non riescono a lavorare. L’Ama ha già detto di sì. Mancano il via libera di Clini e Sottile.