LAZIO, ARRESTATI TRE 20ENNI PER RAPINA: RECUPERATI SOLDI, DROGA, ARMI

0
79

Alle 2.30 in via Radiciotti, località Campo Limpido a Tivoli, 3 persone armate di pistola e cacciavite hanno rapinato un uomo asportandogli l’autovettura e dopo averlo ferito ad una gamba con l’utensile sono fuggiti. Mezz’ora più tardi, gli stessi, con l’auto appena rubata, hanno messo a segno altre due rapine ai danni di altrettante persone. La prima in via Tiburtina all’altezza di Ponte Mammolo e l’altra in via Zanardini. Intorno alle ore 04.00, in via Levanna; a farne le spese un passante alleggerito di 20 euro. Poco dopo è toccata ad una giovane coppia che passeggiava in via Dapporto, derubata di un cellulare e poche decine di euro. Infine, in via Gemona del Friuli, dopo aver portato a termine la sesta ed ultima rapina, i tre malviventi hanno imboccato il G.R.A., ma giunti al km 24.400, due dei tre sono stati intercettati e bloccati da pattuglie della Polizia e dei Carabinieri. Romano il primo e originario del Bangladesh il secondo, entrambi 20enni, sono stati accompagnati presso gli Uffici del Commissariato San Basilio. Poco più tardi, è stato identificato il terzo, di anni 20, bloccato in località Guidonia.

Le conseguenti perquisizioni domiciliari hanno consentito di recuperare, a casa un fucile a canne mozze completo di 10 cartucce di cui due esplose, due mazze da baseball, numerose armi da taglio, (coltelli, pugnali, spade e un machete), una tuta da lavoro di quelle usate dagli operatori di energia elettrica, un congegno elettronico per inibire le centraline di accensione di auto di grossa cilindrata, un paio di manette spagnole, una cassetta di pronto soccorso, guanti in lattice e un proiettile inesploso.

Nell’abitazione di un altro dei fermati, invece, gli investigatori hanno recuperato a sequestrato due bilancini di precisione, alcuni grammi di marijuana, 5 grammi di semi, probabilmente usati per la coltivazione della stessa sostanza, e diverse centinaia di euro in contanti. Recuperato anche il cacciavite usato per rapinare e ferire la vittima della prima rapina, mentre sono ancora in corso le indagini per cercare di recuperare la pistola della quale i giovani si sono disfatti prima di essere bloccati.

Al termine degli accertamenti per i tre giovanissimi sono scattate le manette Tutti dovranno rispondere del reato rapina continuata e aggravata mentre il solo L.R., anche del possesso ai fini di spaccio della sostanza stupefacente.