CIVITAVECCHIA, APPALTO PULIZIE: CONTRATTO IN VIA DI DEFINIZIONE

Palazzo del Pincio interviene alla luce dell’incontro di venerdì scorso alla direzione territoriale del lavoro, dopo le preoccupazioni espresse dall’Ugl sul cambio di appalto per le pulizie e la custudia negli uffici comunali. “Il Comune riconosce come interlocutore solamente l’Ati (associazione temporanea d’impresa) vincitrice di appalto pubblico – hanno chiarito dal Pincio – e non le singole imprese che sono state individuate come esecutrici dell’appalto dalla Ati. Inoltre il Comune non può e non deve entrare nell’organizzazione del lavoro che l’Ati dovrà svolgere, competenza questa esclusivamente aziendale e sindacale”. E torna sulla questione del contratto che sarebbe ormai in corso di perfezionamento. “£Risale infatti al 19 maggio l’ultima comunicazione da parte dell’ufficio contratti alla Ati per la formalizzazione della firma del contratto – hanno spiegato – la stipula contrattuale sarà effettuata nel pieno rispetto della legislazione vigente. Dopo la stipula del contratto, potrà essere ufficializzata l’integrazione di ore, come richiesta dal dirigente del Comune, che riguarda uno specifico settore. Per quanto concerne eventuali difficoltà nella esecuzione dell’appalto – hanno concluso da Palazzo del Pincio – questa amministrazione ha avviato un confronto con le organizzazioni sindacali per verificare la sussistenza di problematiche da sottoporre eventualmente all’attenzione della Ati”.
(Seapress)