Frasca: la Lipu lancia l’allarme

Civitavecchia – Un’ordinanza che vieti l’ingresso di mezzi all’interno della pineta durante il periodo estivo, prorogabile per tutto l’anno, e che vieti l’accensione di fuochi e falò. Pur ricordando che esiste già una normativa sul divieto di campeggio su tutto il territorio comunale, al di fuori delle aree adibite a campeggio, e sulla tutela delle aree boschive, patrimonio nazionale. È la richiesta arrivata dalla Lipu e rivolta al dirigente Ambiente del Comune Gaetano Pepe. Questo alla luce dello stato in cui versa la Frasca, così come raccontato dagli stessi volontari che ieri si sono recati nell’area, bene da tutelare.
“Pesci morti – raccontano – acqua maleodorante, rifiuti abbandonati (anche edili), una roulotte sventrata, una nuova baracca abusiva, recinti rotti e usati per il fuoco, persone che disturbano la quiete alle 8 di mattina, individui armati di martello e scalpello che spaccano la scogliera, barche da pesca con reti issate sottocosta, cani padronali senza guinzaglio, pecore al pascolo in area adibita ad altro e nuove scritte spray sugli alberi. Riguardo la pineta, diradata lo scorso inverno con un intervento che favorisca la crescita del sottobosco, manca totalmente la consapevolezza sul ruolo ecologico degli alberi”.
La Lipu fa appello quindi ai cittadini, “a prescindere da normative ed ordinanze, di avere maggior cura delle aree naturali, di portar via i rifiuti dopo ogni pic-nic – hanno concluso – di segnalare comportamenti incivili alle autorità competenti e di avere più amore per il bene comune, sia esso un albero, una recinzione o uno scoglio”.
(Seapress) 12/06/2017