Vaccini, Governo e M5S-Lega per l’obbligo flessibile e le certificazioni nel 2018. La rivolta dei Presidi

0
56

"Abbiamo depositato la proposta di legge della maggioranza in cui spingeremo per il metodo della raccomandazione che è quello che noi prediligiamo da un punto di vista politico, nel quale prevederemo delle misure flessibili di obbligo sui territori, e quindi anche nelle regioni e nei comuni dove ci sono tassi più bassi di copertura vaccinale o emergenze epidemiche. Sebbene mi prendano in giro su questo punto, l’idea di un obbligo flessibile a seconda dei territori è l’idea più sensata". Lo ha affermato il ministro della Salute Giulia Grillo a La7. ’’Lo strumento dell’autocertificazione è stato usato per tutto il 2017, non capisco questa presa di posizione di ieri. Lo useremo anche per il 2018 perché Lorenzin non ha istituito l’Anagrafe vaccinale nazionale e non volevamo caricare il cittadino di un onere ulteriore costringendolo a fornire tutta la documentazione’’ ha poi aggiunto riferendosi alla presa di posizione dei presidi. Autocertificazione non utilizzabile in sanità – La circolare Grillo-Bussetti, che prevede l’autocertificazione per i vaccini, "non solo confligge con la vigente normativa sulla certificazione delle vaccinazioni obbligatorie, ma contrasta con il DPR 445/2000 che recita ’I certificati medici, sanitari … non possono essere sostituiti da altro documento". Lo afferma il Collegio dei professori universitari di pediatria. Posizione sostenuta anche dai presidi: l’autocertificazione non è "utilizzabile in campo sanitario se non a seguito di espressa previsione legislativa".
Poi i Presidi, che si mettono di traverso e non consentiranno la frequenza a scuola dei bimbi senza vaccinazioni: "Allo stato delle cose, se non verrà presentato all’inizio dell’anno scolastico il certificato di avvenuta vaccinazione della Asl, non potremo permettere la frequenza dei bimbi a scuola, a nidi e materne. Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo. Per ora, almeno fino all’inizio del nuovo anno scolastico, resta in vigore la Legge Lorenzin: sarà quest’ultima ad essere applicata". Questa la nota dell’Associazione Nazionale dei Presidi, che ha avuto un primo incontro al Ministero della Salute con il capo di gabinetto sul tema dei vaccini. "Non vogliamo alzare muri e cercheremo di evitare di arrivare a questo punto – spiega l’Anp – . Diciamo solo che, fin quando non c’è il certificato della Asl, la frequentazione non è possibile ma l’iscrizione rimane. La frequentazione può avvenire dopo la consegna della documentazione a scuola. Siamo dirigenti e siamo obbligati a rispettare le leggi in vigore". "L’autocertificazione andrebbe comunque verificata", ha proseguito l’Anp, che ha sottolineato "una reciproca volontà di collaborazione con il Ministero della Salute", si augura di "uscire da questa empasse". A questo proposito, "ci sarà un nuovo incontro a fine agosto. Anche da parte del Ministero c’è attenzione per risolvere qualsiasi criticità".