Anagnina, nuove strisce pedonali a led

0
68

“Siamo qui ad Anagnina per vedere l’accensione delle strisce pedonali illuminate con i Led. Sono in una fase sperimentale. La particolarità è che in questo caso non sono accompagnate da impianto semaforico, sono strisce che si illuminano, grazie a una fotocellula, al passaggio delle persone”. Lo ha detto il sindaco di Roma Virginia Raggi che ieri sera insieme alla presidente del VII Muncipio Monica Lozzi, ha partecipato all’accensione delle nuove strisce pedonali a Led installate presso la stazione Anagnina sugli attraversamenti pedonali di via Tuscolana.
“Già abbiamo visto questa sera – ha proseguito Raggi – che nel momento in cui le strisce si accendono le macchine automaticamente rallentano. E’ un ottimo sistema per calmare i bollenti spiriti degli automobilisti. Mi sembra un ottimo inizio per lavorare sulla sicurezza stradale che è un tema che affligge molte città e sicuramente la città di Roma”.
“E’ un sistema sperimentale che ha avuto bisogno dell’autorizzazione del ministero dei Trasporti – ha detto Lozzi – e che se funzionerà, e quindi ci sarà una riduzione degli incidenti, potrà essere omologato”.
“La tecnologia intelligente al servizio dei cittadini. È questa l’idea alla base del progetto che stiamo sperimentando, in occasione della settimana europea della mobilità, per mettere in sicurezza gli attraversamenti pedonali. Grazie ai led e ai sensori di rilevamento, le strisce pedonali si accenderanno nel momento in cui il pedone attraversa la strada e si spegneranno nel momento in cui si allontana. Si tratta di un dispositivo economico ed efficiente in grado di mettere in sicurezza gli attraversamenti pedonali soprattutto nelle periferie delle nostre città”. Lo scrive su facebook il sindaco di Roma Virginia Raggi.
“Abbiamo scelto di partire dall’attraversamento pedonale di via Tuscolana che si trova di fronte alla stazione della Metro Anagnina, nella periferia sud est della città. Questo tratto di strada è molto frequentato e le strisce non avevano un semaforo, risultando inoltre poco visibili nelle ore notturne. Questo nuovo sistema – prosegue Raggi – ci consente di intervenire con costi inferiori rispetto all’installazione di un tradizionale semaforo e conferma il nostro impegno sulla sicurezza stradale, anche grazie all’aiuto della tecnologia. Ci siamo impegnati con l’Assessorato alla Città in Movimento e l’Agenzia per la Mobilità per ottenere dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti la concessione per avviare la sperimentazione di questo progetto. Se la sperimentazione andrà a buon fine, potremmo estendere questo sistema anche in altre zone della città. Voglio ringraziare l’assessora Linda Meleo, Monica Lozzi Presidente VII Municipio di Roma – M5s e Salvatore Vivace Assessore Lavori Pubblici e Urbanistica Roma VII Mun. per il loro impegno: questo, infatti, è uno dei 101 progetti presentati dalla Consulta Cittadina Sicurezza Stradale, Mobilità Dolce e Sostenibilità che l’amministrazione ha recepito”.