Emergenza coronavirus, il ministro Boccia: “Ci potranno essere dal 18 maggio scelte differenziate tra le regioni sulle riaperture di attività”

“In base al monitoraggio delle prossime settimane ci potranno essere dal 18 maggio scelte differenziate tra le regioni sulle riaperture di attività. Più i contagi andranno giù, più la sanità territoriale sarà in sicurezza, più si potrà riaprire secondo un monitoraggio che discuterete con il ministro Speranza. Definito il monitoraggio si potrà procedere a differenziazioni”. Così il ministro per le Autonomie e gli Affari regionali Francesco Boccia, secondo quanto si apprende, si è rivolto alle Regioni in video-conferenza. “Propongo un metodo perché le ordinanze regionali siano coerenti con il Dpcm”, ha detto il ministro. In sostanza, secondo quanto si apprende, se ci saranno ordinanze non coerenti, con allentamento delle misure, il ministro Boccia invierà una lettera indicando le parti incoerenti e la richiesta di rimuoverle. Se questo non dovesse avvenire allora il governo impugnerà l’ordinanza. Il ministro ha comunque sottolineato di voler evitare impugnazioni auspicando che si possa andare avanti in un clima di collaborazione magari con un confronto preventivo anche sulle ordinanze.