Coronavirus, parla il governatore del Veneto Luca Zaia: “Nei prossimi giorni emetterò un’ordinanza che prevede delle restrizioni per evitare gli assembramenti ma non ci sarà nessun lockdown”

Il governatore del Veneto Luca Zaia
“Nei prossimi giorni emetterò un’ordinanza che prevede delle restrizioni per evitare gli assembramenti ma non ci sarà nessun lockdown”. Lo ha annunciato oggi il presidente del Veneto Luca Zaia nel corso del punto stampa alla sede della Protezione civile di Marghera. Zaia ha spiegato che “anche il modello di sanità pubblica presentato nei giorni scorsi verrà in parte modificato”. Il governatore, dopo aver sottolineato di non voler anticipare nulla, ha spiegato: “Oggi siamo ancora nella seconda fase, quella azzurra, con 66 pazienti in terapia intensiva su un totale di 588 ricoverati in ospedale. Non c’è alcuna emergenza sanitaria ospedaliera ma dobbiamo evitare a tutti i costi il collasso della sanità arrivando alle fasi successive con oltre 150 ricoveri in terapia intensiva”.  “A quel punto – ha detto Zaia – dovremo attivare dieci ospedali Covid dedicati solo ai pazienti di coronavirus. Ospedali che verranno sottratti alle cure ordinarie”.