Crisi di Governo, Giorgia Meloni incontra Mario Draghi e gli ribadisce il “no” di Fratelli d’Italia

La delegazione di Fratelli d'Italia a colloqui con Mario Draghi
“E’ stato un incontro basato sui contenuti, ci limitiamo a un confronto franco su questo. Non mi aspettavo che Draghi potesse leggere le nostre proposte ieri notte, ma la nostra posizione è immutata. Non voteremo la fiducia ma faremo opposizione responsabile e patriottica”. Così la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, al termine delle consultazioni. “Vogliamo lavorare per impedire che le imprese muoiano, chiediamo l’abolizione del cashback grazie al quale potremo liberare 5 miliardi di euro”. “Abbiamo posto la questione della difesa delle infrastrutture nazionali che devono rimanere pubbliche”. “Non voteremo la fiducia al governo di Draghi ma siamo a disposizione della Nazione, per tutto quello che può essere utile”. “Abbiamo chiesto a Draghi che il suo governo ponga fine alla stagione dei Dpcm”, ha detto ancora la leader di Fratelli d’Italia. “Draghi – ha spiegato Meloni – ci ha parlato della sua riforma del fisco, immagina che le tasse non aumenteranno e immagina un sistema progressivo e esclude la flat tax”. “Draghi ci ha detto che ha un’idea di governo europeista, atlantista e ambientalista. Sul primo e secondo aspetto, l’Italia è parte dell’Unione europea e dell’Alleanza atlantica. Secondo noi va bene, quello che manca non è la presenza in queste istituzioni ma la capacità di starci anche difendendo gli interessi nazionali”.