I lavoratori del Globe Theatre hanno occupato la struttura: “Vogliamo una riforma strutturale del settore”

Il Globe Theatre di Roma
Un gruppo di lavoratrici e lavoratori dello spettacolo e della cultura ha occupato il Globe Theatre di Roma. Dopo più di un anno dal blocco degli spettacoli dal vivo, la rete dei lavoratori dello spettacolo e della cultura di Roma, chiedono una riforma strutturale del settore. “Non vogliamo una riapertura senza sicurezza, che ci faccia ripiombare in un mondo del lavoro ancora più incerto e privo di garanzie. Riapriamo questo spazio a tutte le precarie, a tutti gli sfruttati, per riappropriarci di un tempo di confronto e autoformazione”, sostengono i lavoratori che sui social hanno pubblicato una foto dell’occupazione. Un grosso striscione alle loro spalle recita: “A noi gli occhi, please” richiamando lo spettacolo di successo di Gigi Proietti, che fu direttore del teatro. “Tutto si sta svolgendo nel rispetto delle disposizioni sanitarie, tutte e tutti si sono sottoposti a tampone”.