Musica, Paul Simon spegne 80 candeline: epocale la sua canzone “The sound of silence”

Il cantautore statunitense Paul Simon
Importante traguardo per un dei più importanti cantautori statunitensi. Paul Simon spegne infatti 80 candeline. Nato il 13 ottobre del 1941 a Newark nel New Jersey in una famiglia di immigrati di origine ungherese e cresciuto nel cuore del Queens a New York, Paul Simon è, accanto a Bob Dylan, Randy Newman e pochi altri, uno dei grandi della canzone d’autore americana. Dalla sua penna sono nate le tracce indimenticabili del duo Simon & Garfunkel:  “The Sound of Silence”, “I Am a Rock”, “Bridge Over Troubled Water” e “The Boxer” tra le tante. Paul Simon e Art Garfunkel si incontrano per la prima volta durante la recita scolastica “Alice in Wonderland” nella quale Paul impersonava il Bianconiglio e Art lo stregatto; diventano un duo esibendosi ai balli della scuola facendosi all’epoca chiamare “Tom & Jerry”. Nel 1957, con questo nome, incidono il singolo “Hey, Schoolgirl” per la Big Records, posizionandosi al numero 49 delle classifiche. Dopo il diploma però Simon si iscrive al Queens College della contea del Queens per studiare letteratura inglese, e Garfunkel alla Columbia University di Manhattan per studiare architettura. Fra il 1957 e il 1964 Simon scrive, incide e pubblica più di trenta canzoni, talvolta riunendosi con Garfunkel sotto il vecchio nome del duo, per esempio per i singoli “Our Song”, “That’s My Story” e “Surrender, Please Surrender”. La maggior parte dei brani registrati da Simon dopo il 1957 sono pubblicati da etichette discografiche minori, come Amy, ABC-Paramount, Big Records, Hunt, Ember, King, Tribute Records e Madison.  Il primo album di Simon & Garfunkel, “Wednesday Morning, 3 A.M.”, è pubblicato il 19 ottobre 1964: dodici canzoni folk, cinque delle quali scritte da Simon. Inizialmente non ha un grande successo, ma il brano “The Sound of Silence” inizia a essere sempre più richiesto alle radio della east coast. Ne viene realizzata una versione in chiave folk-rock sovrapponendo chitarra elettrica, basso e batteria alla versione originale, ispirata allo stile di Bob Dylan. E’ un grande successo: ripubblicato come singolo raggiunge la posizione numero 1 nelle classifiche pop degli Stati Uniti. Questo richiama in America Paul Simon, che si era trasferito in Inghilterra e aveva iniziato una carriera solista con l’album “The Paul Simon Songbook”.