Alla Corrado Melone torna la caccia agli incivili

Il dirigente scolastico Riccardo Agresti torna a puntare i riflettori su chi parcheggia la propria auto in luoghi riservati agli scuolabus

Si torna in classe in presenza, e ritornano i problemi pre pandemia, a cominciare proprio dalla sosta selvaggia. Nonostante un parcheggio, a piazzale Onofri, abbastanza ampio (a eccezione del martedì) per poter contenere le auto di quasi tutti i genitori dei bambini che frequentano una delle scuole nei pressi del Comune, c’è ancora chi decide di “optare” per la doppia fila selvaggia, andando a mettere in pericolo la sicurezza dei bambini proprio al suono della campanella, e chi invece, senza alcun rispetto nemmeno della segnaletica orizzontale, occupa “abusivamente” gli stalli riservati agli scuolabus. E a tornare a puntare il dito contro questi incivili è il dirigente scolastico della Corrado Melone, Riccardo Agresti, che definisce questi automobilisti “incivili indegni di vivere nel nostro Paese e nella nostra amata Ladispoli”. “Vorrei vedere cosa direbbero – ha proseguito Agresti – se andassi a occupare i loro garage con la mia auto”.