Covid, prime dosi di vaccino dimezzate: mancano all’appello ancora 7,4 milioni di persone

Le vaccinazioni anti Covid
Nell’ultima settimana sono state somministrate poco più di 184mila prime dosi di vaccino anti-Covid, poco più di 26mila al giorno. Il dato è contenuto nell’ultimo report del governo dal quale emerge che, rispetto alla settimana scorsa, le prime dosi sono quasi dimezzate: erano poco più di 345mila quelle somministrate tra il 16 e il 22 ottobre, sono 184.531 dal 23 al 29 ottobre. Intanto in Usa la Fda autorizza Pfizer sui bimbi dai 5 agli 11 anni di età. Sono invece oltre 7,4 milioni le persone ancora in attesa di una prima dose o di una dose unica di vaccino. In particolare fra i 50 e i 59 anni non sono ancora vaccinate 1.276.043 persone (13,22%), fra i 40 e i 49 anni 1.505.945 (17,14% della popolazione in questa fascia di età). Fra i 30 e i 39 anni i non vaccinati sono 1.167.979 (il 17,19% di questa classe). Negli ultimi sette giorni, sono state comunque somministrate 1.112.844 dosi di vaccino anti-Covid in più rispetto alla settimana precedente. Fda autorizza Pfizer sui bambini Intanto negli Stati Uniti d’America la Fda ha approvato l’uso del vaccino Pfizer sui bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. Il comitato consultivo ha votato all’unanimità con una sola astensione. Secondo i tecnici i benefici del vaccino in quella fascia di età superano i potenziali rischi, incluso un effetto collaterale correlato al cuore, molto raro negli adolescenti e nei giovani adulti che ottengono un dose maggiore. La dose per i bambini piccoli è un terzo di quella raccomandata per gli over 12 anni.