sabato, Aprile 20, 2024

Il Pd a testa bassa contro il Governo. Martina: “Il 29 settembre a Roma la piazza di chi non ha paura”

Ed alla fine il Partito Democratico imbocca la linea durissima contro il Governo e sceglie la piazza. Il 29 settembre è stata proclamata una giornata di mobilitazione in tutta Italia con una manifestazione nazionale a Roma. "Sarà ’la piazza per l’Italia che non ha paura’", fa sapere il segretario del Pd, Maurizio Martina, in un’intervista a la Repubblica, annunciando la manifestazione. "Penso che sia venuto il momento – spiega -di chiamare a una mobilitazione nazionale gli italiani che non si rassegnano a vedere questo Paese in preda ai seminatori di odio. Il Pd fa un passo avanti e chiede a tutti di fare altrettanto".
"Milano – aggiunge Martina riferendosi alla manifestazione di protesta per l’incontro tra Salvini e Orban – è stato un segnale chiaro che va colto. Proprio per questo promuoviamo una manifestazione nazionale a Roma, chiamando a raccolta persone ed energie,come tappa essenziale del nostro lavoro. Tanti lo chiedono. Insieme dobbiamo costruire un’alternativa al governo, un progetto unitario, un pensiero nuovo. Il momento lo impone". "Lega e Cinque Stelle stanno demolendo i sacrifici fatti dagli italiani. L’Italia sta diventando la frontiera più delicata del futuro europeo. Affronteremo un autunno rischioso dal punto di vista economico e sociale. L’attuale governo maneggia con una superficialità disarmante questioni che hanno a che vedere con la fatica che la gente ha fatto in tutti questi anni di crisi", conclude Martina.
L’annuncio ha scatenato l’ironia dei 5 Stelle. "Il popolo italiano non dimentica, e se a fine mese Martina e i suoi andranno in piazza sarà un appuntamento tra intimi, come è stato alle urne lo scorso 4 marzo’’, commenta Manlio Di Stefano, sottosegretario M5S agli Esteri. ’’Martina – afferma – pensa a un nuovo Pd, quando tutto, nella politica dem, resta vecchio. Forse il segretario dimentica cosa rappresenta il suo partito per il Paese: l’ex governo delle inchieste penali della famiglia Renzi, dei favori ad Autostrade, dello svendersi all’Ue per 80 euro di flessibilità.
’’Come fa Martina – chiede – a parlare di un nuovo partito che si butti nel Paese reale, se l’esecutivo di cui faceva parte viveva nel mondo dei sogni e delle banche? Se è sua intenzione allearsi con un Macron che vuole fare dell’Italia l’unico porto di approdo per i migranti? L’ipotetico nuovo Pd sarà esattamente come il vecchio, con il solo chiodo fisso di gestire l’accoglienza con le proprie cooperative".
"La fatica e i sacrifici della gente, di cui parla Martina, sono gli stessi sui quali il Pd ha sciacallato con i suoi sprechi, come i 150 milioni dell’Air Force Renzi. Siamo noi, che stiamo ricomponendo i cocci di un’Italia distrutta dai vecchi partiti, che abbiamo inaugurato la Terza Repubblica con il governo del cambiamento e che siamo realmente al fianco dei cittadini, a rappresentare il presente e il futuro. Loro potranno anche cambiare nome al partito, ma l’intento resterà sempre e solo occupare le poltrone’’, conclude Di Stefano.

Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli