Il presidente Zingaretti precisa: “Abbiamo sbloccato dalla Regione Lazio 175 milioni per rilanciare l’edilizia sanitaria”

“Investiamo in una sanità nuova, più moderna e più vicina ai bisogni delle persone, una sanità che abbiamo risanato e che ora più che mai ha bisogno di investimenti per elevare gli standard di qualità e di innovazione”

“Nella seduta odierna della Conferenza delle Regioni è arrivato il via libera all’’intesa, come previsto dalla sentenza della Corte Costituzionale, che sblocca le risorse della Legge Finanziaria del 2017 per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese”.
Lo si legge in una nota della Regione Lazio. “Al Lazio sono stati assegnate risorse per oltre 175 milioni di euro, finanziamenti che ci permettono di realizzare lavori importanti per migliorare i servizi dei cittadini di Roma, del suo litorale e di alcune province del Lazio come Rieti e Frosinone”, commenta nella nota il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che aggiunge: “Investiamo in una sanità nuova, più moderna e più vicina ai bisogni delle persone, una sanità che abbiamo risanato e che ora più che mai ha bisogno di investimenti per elevare gli standard di qualità e di innovazione”.
“Nello specifico per il Lazio – continua la nota – sono state sbloccate risorse per oltre 175 mln di euro che saranno così ripartite: per l’adeguamento antisismico e messa a norma del presidio ospedaliero De Lellis di Rieti – 76,5 milioni di euro; per l’adeguamento antisismico e la messa a norma del presidio ospedaliero Grassi di Ostia – 55 milioni di euro; per il completamento e l’acquisto delle apparecchiature del nuovo Ospedale dei Castelli 24,5 milioni di euro; per la ristrutturazione, l’adeguamento antisismico e messa a norma del presidio ospedaliero di Sora – 17 milioni di euro.
Per gli investimenti sulla ricerca sono stati inoltre assegnati 2 milioni di euro all’INMI Spallanzani di Roma per la Rete nazionale di ricerca delle patologie infettive”.
“Si tratta di risorse fondamentali per il consolidamento e l’ampliamento dell’edilizia sanitaria nella nostra Regione – ha commentato l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato – Potremmo intervenire su strutture importanti per il nostro territorio con risorse mirate per la loro messa a norma e implementazione”.