lunedì, Giugno 5, 2023

Coronavirus, parla il professore Stefano Vella dell’Università Cattolica di Roma: “Stabile a me non piace per niente come situazione epidemica. La stabilità che caratterizza l’andamento della curva epidemica di Covid-19 in Italia è un brutto segno, perché così il virus è certo che ritorna”

“Stabile a me non piace per niente come situazione epidemica. La stabilità” che caratterizza l’andamento della curva epidemica di Covid-19 in Italia “è un brutto segno”, perché così il virus è “certo che ritorna”. In realtà “purtroppo non ha smesso di circolare”, ed “è falso che sia meno infettivo” o “meno pericoloso”. Lo ha precisato Stefano Vella, docente di Salute globale all’università Cattolica di Roma, intervenuto ad ‘Agorà estate’ su Rai3. “Certo – ha spiegato l’esperto – ci sono meno persone che vanno in ospedale perché ci sono meno casi e, siccome soltanto una piccola frazione” di infettati da Sars-CoV-2 “ha una malattia più grave, è chiaro che diminuisce” anche la quota di chi viene ricoverato. “Ma questo non è un segno che il virus si è indebolito. Non sono prove scientifiche che lo dicono”, ha avvertito Vella. “Chi lo dice mi fa arrabbiare moltissimo – ha aggiunto – perché è un messaggio molto pericoloso. Per questo poi la gente si assembra”. L’ondata dei contagi “spero che non riparta”, ha proseguito il docente, auspicando “che la sanità regionale riesca a cogliere i ‘fili di fumo’” che si levano dai focolai “e a isolarli come sta facendo adesso”. Vella ha invitato infine a considerare Covid-19 qual è effettivamente: “Un’epidemia globale” da trattare come tale: “Se è global, non possiamo ragionare local”.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli