“Giornata della memoria”, parla la Sindaca Raggi: “E’ solo tramite il ricordo che possiamo tenere la barra dritta ed impedire derive razziste e xenofobe”

La sindaca di Roma Virginia Raggi
“In questo momento in cui la pandemia è ancora molto presente dobbiamo necessariamente sospendere le tradizionali celebrazioni, è però fondamentale riorganizzare queste manifestazioni mantenendo la distanza fisica ma non quella emotiva. E’ fondamentale per non rischiare di disgregare quel patrimonio di cui disponiamo, perché la memoria genera il nostro futuro. E’ solo tramite il ricordo che possiamo tenere la barra dritta ed impedire derive razziste e xenofobe”. Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi intervenendo ad una iniziativa delle biblioteche di Roma. “Purtroppo in questi ultimi anni in Europa si stanno riaccendendo delle scintille e noi diciamo sempre ai nostri ragazzi che l’indifferenza è l’anticamera di queste derive. Non possiamo mai chiudere gli occhi a partire da ciò che accade nelle nostre scuole, dai piccoli episodi di bullismo e violenza, capire i segnali serve ad arginarli subito”,