“Dopo Concorsopoli, Grando si dimetta”

foto di Luigi Cicillini (CentroMareRadio)

Rigida la richiesta avanzata da Italia in Comune Ladispoli, Azione Ladispoli, Italia Viva Ladispoli e P. S. I. Ladispoli

“Italia in Comune, Azione, Italia Viva e PSI chiedono le dimissioni del Sindaco Alessandro Grando. Più giorni passano e più ci si accorge di quanto grave sia la vicenda ormai nota, identificata con il nome “Concorsopoli”, dove si legge un’altra pagina di pessima politica, in un sistema trasversale che trova da sinistra a destra molte forze politiche unite nello stesso obbiettivo: gestire la cosa pubblica come cosa propria. Coinvolti nella vicenda, per adesso, sono la Regione, i Comuni di Allumiere, Guidonia, e non poteva mancare Ladispoli, in un sistema che compromette sempre di più il rapporto di fiducia tra i cittadini e la politica, è per questo, che ITALIA IN COMUNE, AZIONE, ITALIA IVA e PSI chiedono al Sindaco Grando di DIMETTERSI e di sospendere le assunzioni nel rispetto di tutte quelle persone che hanno partecipato o non hanno partecipato ad un concorso senza avere qualche santo protettore. Il Sindaco segua il segnale delle dimissioni già date dal presidente del Consiglio Regionale Mauro Buschini, questo non riparerà il danno fatto ma quantomeno i responsabili lasceranno quelle poltrone che con scarsa moralità hanno occupato”. Così in una nota a firma congiunta di: Sezione Italia in Comune Ladispoli – Maurizio Biasetti; Azione – Gruppo Ladispoli-Cerveteri; Italia Viva – Ladispoli; PSI – Ladispoli.
AGGIORNAMENTO del 15.04.2021 ore 17.40

PD: “Sulle assunzioni servono trasparenza e rispetto delle regole”

“Il clamore mediatico legato agli esiti di un concorso relativo al bando per dipendenti pubblici svolto dal Comune di Allumiere è stato notevole e, anche se al momento non vi sono indagati e non si ravvisano ipotesi di reato, in questi giorni si parla di diverse soluzioni alternative: dall’annullamento del concorso in autotutela alla sospensione delle assunzioni effettuate dall’Ufficio di Presidenza della Pisana. In attesa di ricevere chiarimenti sui fatti accaduti, si evince che le assunzioni sono state effettuate sulla base della graduatoria pubblica a cui hanno attinto la Regione Lazio e numerosi Comuni dell’area metropolitana, tra cui quello di Ladispoli. Da un punto di vista etico è fondamentale la totale trasparenza nelle assunzioni di personale da parte di enti pubblici e, come circolo PD Ladispoli, riteniamo corrette le dimissioni del Presidente del Consiglio Regionale Mauro Buschini che ha proposto alla Conferenza dei Capigruppo l’istituzione di una “Commissione Trasparenza, presieduta da un esponente dell’opposizione, che possa affrontare tutti i temi rispetto ai quali ci sia necessità di approfondimento, a partire dalle assunzioni dei dipendenti”. Anche a livello locale chiediamo chiarezza al Sindaco che dovrebbe dare spiegazioni convincenti sulle procedure seguite dalla sua giunta. E ad esempio su, come in una tombola, sia riuscito a pescare il numero giusto a Dicembre attingendo dalla graduatoria con delibera, due giorni dopo la firma del verbale di fine concorso. Per il PD di Ladispoli deve essere prioritaria la possibilità di valorizzare il merito e tutti i cittadini devono venire considerati uguali difronte ad un’opportunità lavorativa; pertanto servono regole stringenti e percorsi chiari affinché venga recuperata la fiducia dei cittadini nelle Istituzioni e nella politica”. Così in una nota del Circolo PD Ladispoli.