Vaccini covid nel Lazio, rinviata la somministrazione di Pfizer per la fascia dai 12 ai 16 anni a causa delle dosi ridotte

Il vaccino Pfizer
Vaccini covid nel Lazio, rinviata la somministrazione del prodotto Pfizer per la fascia dai 12 ai 16 anni a causa delle dosi ridotte a disposizione della Regione. “A causa della riduzione nazionale di Pfizer, a luglio rispetto a giugno, non sarà possibile al momento poter garantire in maniera continuativa la fornitura ai pediatri di libera scelta per la fascia d’età 12-16 anni. Le somministrazioni potranno avvenire con regolarità a partire da dopo Ferragosto in poi presso il proprio pediatra, a cui verranno inviate tutte le dosi necessarie, corrispondenti alle prenotazioni, consigliamo in questa fase di raccogliere le disponibilità delle famiglie”. Lo comunicano in una nota congiunta l’assessore alla Sanità e integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, il segretario della Fimpe, Teresa Rongai; il segretario regionale della federazione Cipe-Sispe-Sinspe, Teresa Mazzone. “La decisione inevitabile scaturisce da una situazione oggettiva in tutta Italia. Ricordiamo che fino ad ora nella fascia d’età 12-16 anni sono state fatte oltre 50mila somministrazioni, di cui oltre 40mila nei due recenti open junior di giugno, per le quali sono garantiti i richiami. Per le situazioni di particolare fragilità, i pediatri possono rivolgersi all’ospedale Bambino Gesù”.