Covid, la promessa di Ursula von der Leyen: “Nel 2022 produrremo 3,5 miliardi di dosi di vaccini”

La presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen
“L’aumento dei prezzi dell’energia può essere un ostacolo alla ripresa e ne discuteremo al G20” ha dichiarato la presidente della Commissione europea. Poi il monito: “Il G20 dovrà trovare un’intesa su una riforma fiscale globale”. Così Ursula von der Leyen in vista del vertice che si terrà il 30 e 31 ottobre a Roma. “Dal punto di vista della pandemia l’obiettivo principale è l’impegno del G20 a raggiungere il target del 70% della popolazione vaccinata nel mondo – ha detto ancora von der Leyen – L’Ue ha mantenuto la sua promessa: almeno una dose su due di quelle prodotte in Europa sono e saranno esportate nel mondo. E il prossimo anno ci aspettiamo più di 3,5 miliardi di dosi di vaccini prodotte in Ue, la cui maggioranza sarà esportata”. Cop 26 Glasgow,  possibile ridurre emissioni e crescere Sul fronte alla lotta dei cambiamenti climatici – in vista della Cop26 di Glasgow – von der Leyen sottolinea come “il mondo sia in gara per raggiungere zero emissioni entro la metà del secolo. Lavorando insieme possiamo uscirne tutti vincitori”. E spiega: “Alla Cop26 abbiamo il dovere di proteggere il nostro pianeta per le generazioni future. In Europa abbiamo tutti gli strumenti a disposizione per riuscire a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 e ridurre le emissioni di almeno il 55% entro il 2030”. E conclude: “Da parte nostra siamo pronti ad attuare la tassazione globale minima entro fine anno e contiamo che il resto del mondo lo faccia entro il 2022”.