Gubetti: “Alcuni mezzi di Msa non conformi solo dal punto di vista contrattuale”

“Alcuni dei mezzi presenti all’interno del cantiere non sono conformi ma solo dal punto di vista contrattuale”. L’assessore all’Ambiente, Elena Gubetti, in un’intervista video, ha chiarito alcuni degli aspetti legati alla vicenda Msa che avevano portato nei mesi scorsi i lavoratori a incrociare le braccia. Da una parte il ritardo nei pagamenti delle tredicesime o parte di esse, e poi c’erano anche quei mezzi non conformi utilizzati dall’azienda e fatti usare ai lavoratori per espletare il servizio di raccolta. Per quanto riguarda proprio quest’ultimo aspetto, l’Assessore ha voluto chiarire che la non conformità riguarderebbe solo il contratto stipulato tra l’Ati e il Comune. “Era stato chiesto che fossero immatricolati dal 2016 in poi e invece ci sono anche mezzi immatricolati negli anni precedenti”, ma sono “sicuri, funzionanti, e possono essere usati dai lavoratori senza alcun pericolo”. Poi, ovviamente, come ha tenuto sottolineare Gubetti, “il Dec, che controlla, provvederà a sanzionare”. Per quanto riguarda poi il subentro della MSA nell’Ati, al posto prima di Camassa e poi di ASV, la situazione, anche dal punto di vista contrattuale, è destinata a migliorare. “Sono stati riconosciuti i livelli, hanno ricevuto abbigliamento conforme. Tante cose si stanno mettendo in ordine”, ha detto Gubetti che si dice fiduciosa che “le cose possano migliorare”.