Il latitante Danilo Coppola: “La giustizia ieri è stata sconfitta, non so se mi costituirò”

La giustizia ieri è stata sconfitta, come spesso accade negli ultimi anni”: Danilo Coppola, immobiliarista romano latitante in Svizzera, commenta così sui social la sentenza della Cassazione che ieri ha confermato in via definitiva la sua condanna a 7 anni per bancarotta fraudolenta. “Sono innocente, se non lo fossi stato avrei accettato i 4 anni proposti col patteggiamento. Non l’ho fatto perché sono innocente, non sono stupido – aggiunge -. Non so se continuerò a postare, non so se mi costituirò, devo vagliare bene le cose coi miei legali”.