martedì, Febbraio 27, 2024

Palermo, oggi l’Italia ricorda il trentesimo anniversario del martirio di Paolo Borsellino e della sua scorta

L’Italia ricorda il giudice Paolo Borsellino. A 30 anni dalla stage di Via D’amelio, il 19 luglio 1992, che uccise il giudice e ei 5 agenti di scorta, sono molte le iniziative organizzate in ogni parte della Sicilia e in altre regioni del Paese. Oggi il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi parteciperà alle celebrazioni a Palermo. Il ministro incontrerà alle 10 le ragazze e i ragazzi che partecipano all’iniziativa ‘Coloriamo via d’Amelio’ organizzata, in via D’Amelio, dal Centro Studi Paolo e Rita Borsellino per tenere viva la memoria del giudice Paolo Borsellino e dei cinque agenti della sua scorta Agostino Catalano, Claudio Traina, Eddie Walter Cosina, Emanuela Loi e Vincenzo Li Muli. Alle 12.30 Bianchi incontrerà gli studenti e i docenti dell’Istituto Comprensivo “Antonio Ugo” di Palermo coinvolti in attività e iniziative che rientrano nell’ambito del Piano Estate 2022.
LA STRAGE
Il 19 luglio 1992 un ordigno posizionato da Cosa Nostra esplose in via d’Amelio, a Palermo, uccidendo il magistrato Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, la sarda Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Appena due mesi prima, a Capaci, un attentato analogo aveva ucciso Giovanni Falcone e gli agenti che lo accompagnavano. Una Fiat 126 imbottita con 90 chili di Semtex-H generò il finimondo sotto casa della madre del giudice siciliano. L’unico sopravvissuto fu l’agente Antonino Vullo, che raccontò: “Borsellino e i miei colleghi erano già scesi dalle auto, mentre io ero rimasto alla guida. Stavo facendo manovra per parcheggiare la vettura che si trovava alla testa del corteo. Non ho sentito alcun rumore, niente di sospetto, assolutamente nulla. Improvvisamente è stato l’inferno. Ho visto una grossa fiammata, ho sentito sobbalzare la blindata. L’onda d’urto mi ha scaraventato dal sedile. Non so come ho fatto a scendere dalla macchina. Attorno a me c’erano brandelli di carne umana sparsi dappertutto”. Borsellino era consapevole del destino che lo attendeva. Dopo la morte del collega e amico Falcone ripeteva spesso: “Ora tocca a me”. Da allora il suo lavoro era proseguito a ritmi serrati e annotava tutto nella sua agenda rossa, un vero e proprio diario sparito dalla sua valigetta pochi minuti dopo la strage in quello che ancora oggi è solo uno degli innumerevoli misteri di quegli anni e di quella vicenda.
Redazione
Redazione
La nostra linea editoriale è fatta di format innovativi con contenuti che spaziano dalla politica allo sport, dalla medicina allo spettacolo.

Articoli correlati

Ultimi articoli